La Dynamo ringrazia Shovkovskiy

Grazie al portiere Olexandr Shovkovskiy, 40 anni, la Dynamo Kiev batte lo Shakhtar Donetsk ai calci di rigore e si aggiudica la Coppa di Ucraina dopo aver già vinto il campionato.

Oleksandr Shovkovskiy è stato l'eroe della Dynamo
Oleksandr Shovkovskiy è stato l'eroe della Dynamo ©Getty Images

Grazie al portiere Olexandr Shovkovskiy, 40 anni, l'FC Dynamo Kyiv batte l'FC Shakhtar Donetsk ai calci di rigore e si aggiudica la Coppa di Ucraina dopo aver già vinto il campionato.

Dopo 120 minuti a reti inviolate, lo Shakhtar si porta sul 3-1, ma poi Shovkovskiy neutralizza Taison e Yaroslav Rakitskiy colpisce la traversa. Si procede a oltranza: Yevhen Khacheridi firma il 5-4, mentre Olexandr Gladkiy viene fermato ancora una volta dal portiere.

Nei tempi regolamentari, Darijo Srna si rende subito pericoloso per lo Shakhtar con un tiro potente a fil di traversa, mentre sull'altro fronte Andriy Yarmolenko si lancia in una volata solitaria ma viene fermato da Shakhtar Andriy Pyatov. Ai supplementari, Khacheridi batte a rete ma Vyacheslav Shevchuk salva sula linea, mentre Shovkovskiy si supera su una conclusione del subentrato Gladkiy.

La Dynamo perde anche Serhiy Rybalka per espulsione, ma resiste e vince la sua 11esima coppa nazionale (la quinta contro lo Shakhtar). Si tratta anche dell'ottava accoppiata nazionale dopo le quattro vinte ai tempi dell'Unione Sovietica.

Il tecnico della Dynamo, Serhiy Rebrov, commenta: "È una vittoria molto importante. Abbiamo vinto il campionato e volevamo anche la coppa, ma sapevamo che la partita era importante anche per lo Shakhtar. Tuttavia, nei tempi regolamentari abbiamo giocato meglio e potevamo vincere anche prima dei rigori. I ragazzi hanno dimostrato di avere i nervi saldi dal dischetto, mentre Shovkovskiy ci ha aiutati ancora una volta. Il merito va a tutta la squadra".

"Siamo molto amareggiati - commenta Darijo Srna, capitano dello Shakhtar -. Abbiamo giocato una gara molto difficile, eravamo in vantaggio di due gol ma alla fine abbiamo perso. Non possiamo rimproverare nessuno. È il calcio, sono i rigori, è Shovkovskiy".

In alto