Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Finalmente Wolfsburg

A Berlino, i Die Wölfe battono 3-1 il Borussia Dortmund e conquistano per la prima volta nella loro storia il trofeo nazionale; per Jürgen Klopp l'ultima partita sulla panchina dei Gialloneri è amarissima.

Il VfL Wolfsburg festeggia la Coppa di Germania a Berlino
Il VfL Wolfsburg festeggia la Coppa di Germania a Berlino ©Getty Images

Per la prima volta nella sua storia, il VfL Wolfsburg trionfa in Coppa di Germania. Nella finale di Berlino, i Die Wölfe non lasciano scampo al Borussia Dortmund, vincono 3-1 e si portano a casa il trofeo; l’ultima partita di Jürgen Klopp sulla panchina dei Gialloneri termina invece con un’amarissima sconfitta.

Il Dortmund colpisce in avvio con Pierre-Emerick Aubameyang, ma il Wolfsburg gradualmente si riorganizza e inizia a prendere il sopravvento sugli avversari sul prato dell’Olympiastadion di Berlino, teatro tra una settimana della finale di UEFA Champions League. Sono le reti di Luiz Gustavo, Kevin De Bruyne e Bas Dost a trascinare la squadra guidata da Dieter Hecking.

“Era chiaro sin dall’inizio che sarebbe stata una partita difficile”, ha analizzato lo stesso Hecking, “La nostra disabitudine alle finali era evidente sin dall’avvio, ma la squadra ha trovato la sua strada. Abbiamo cercato di dare tanto incoraggiamento dalla panchina e alla fine ha funzionato”.

Il Wolfsburg, già sicuro di giocare la fase a gironi della UEFA Champions League in virtù del secondo posto in Bundesliga, è costretto a inseguire dopo soli cinque minuti, quando Aubameyang scarica il pallone in rete sul cross perfettamente calibrato di Shinji Kagawa. La formazione di Hecking ha subito l’occasione del pareggio, ma Mitchell Langerak con una parata superba sventa la minaccia su Ivan Perišić.

I Die Wölfe non si vogliono comunque arrendere e sono premiati quando Luiz Gustavo ribadisce in rete una punizione deviata di Naldo. De Bruyne porta il Wolfsburg in vantaggio 11 minuti dopo, battendo Langerak da quasi venti metri con un bel titolo. Bost, di testa, insacca invece sul cross di Perišić e sancisce la rimonta prima dell’intervallo.

Nella ripresa ci sono occasioni per entrambe le squadre, con Kagawa che colpisce un palo per il Dortmund e Daniel Caligiuri che sfiora la rete dalla parte opposta. Klopp, oltre a Sebastian Kehl (che si ritirerà) non riescono a conquistare il trofeo, anche se il Dortmund parteciperà alle qualificazioni per la prossima edizione della UEFA Europa League, visto il settimo posto nel campionato tedesco.

“Non provo invidia per Dieter Hecking e i suoi ragazzi [per questa vittoria]”, spiega Klopp.

In alto