Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Coppa di Russia alla Lokomotiv

L'FC Lokomotiv Moskva recupera lo svantaggio contro l'FC Kuban Krasnodar e vince 3-1 dopo i supplementari, conquistando così la sua sesta Coppa di Russia.

©Getty Images

L'FC Lokomotiv Moskva recupera lo svantaggio contro l'FC Kuban Krasnodar e vince 3-1 dopo i supplementari, conquistando così la sua sesta Coppa di Russia.

Il Kuban passa in vantaggio a metà primo tempo quando Vladislav Ignatyev capitalizza l'assist di Vitali Denisov, ma la Lokomotiv, guidata dall'allenatore ad interim Igor Cherevchenko, riesce a pareggiare a 17 minuti dal termine con il gol di Baye Oumar Niasse che prolunga la gara ai tempi supplementari.

La Lokomotiv completa la rimonta e si porta avanti alla fine del primo tempo supplementare con il colpo di testa di Mbark Boussoufa su cross di Alan Kasaev, mentre Aleksei Miranchuk chiude la partita con un'azione solitaria. La Lokomotiv è ora a una sola distanza dal record del PFC CSKA Moskva di sette Coppe di Russia e conquista un posto nella fase a gironi della UEFA Europa League 2015/16.

"E 'stata la mia prima finale da allenatore, ho dovuto sopportare parecchio stress - ha detto Cherevchenko -. Voglio ringraziare i ragazzi, per fortuna la partita non è andata ai rigori. Dedico questa vittoria a mio padre, scomparso nel marzo 2014. Mi ha fatto diventare un calciatore, un allenatore, un uomo".

Miranchuk ha dichiarato: "Non sono in grado di descrivere quel che provo. E' la mia vittoria più importante, ma rimane ancora un grande obiettivo. Dobbiamo conquistare il campionato". Roman Pavlyuchenko ha aggiunto: "Ci siamo preparati bene. Questa era la nostra ultima occasione per conquistare un posto in Europa e abbiamo dimostrato di essere una vera squadra. Abbiamo lavorato in passato con l'allenatore del Kuban Leonid Kuchuk, per cui sapevamo come avrebbero giocato i nostri avversari. Oggi siamo stati più in forma e più fortunati".

In alto