Juve spietata, Lazio seconda

Dopo aver vinto lo Scudetto e raggiunto la finale di UEFA Champions League - e a quattro giorni da quella di Coppa Italia - i Bianconeri battono 2-1 l'Inter a San Siro; i Biancocelesti espugnano il campo della Samp e scavalcano la Roma.

Doccia gelata per l'FC Internazionale Milano negli anticipi della terzultima giornata di Serie A. La Juventus non fa sconti e dopo aver vinto lo Scudetto e raggiunto la finale di UEFA Champions League - e a quattro giorni da quella di Coppa Italia - sbanca 2-1 San Siro mettendo forse fine alle speranze Nerazzurre di giocare la prossima edizione della UEFA Europa League. Sono i gol di Claudio Marchisio su rigore e Álvaro Morata a rimontare il vantaggio a freddo realizzato da Mauro Icardi. Sorride anche la S.S. Lazio, che supera 1-0 in trasferta l'UC Sampdoria e supera per il momento l'AS Roma al secondo posto: a Marassi decide il gol del difensore argentino Santiago Gentiletti, al rientro.

Al Meazza l'avvio del Derby d'Italia è all'insegna dei fuochi d'artificio. Marco Storari, schierato al posto di Gianluigi Buffon, compie subito un grande intervento su Icardi, dalla parte opposta Morata supera in scioltezza Danilo D'Ambrosio ma calcia sull'esterno della rete. Al 9' però la squadra di Roberto Mancini sblocca il risultato. Sul tiro di Marcelo Brozović, Icardi devia con il petto e insacca l'1-0: per l'argentino è il gol numero 19 in campionato.

Dopo un'altra chance per Morata, Storari tiene in vita la Juve con un intervento su Rodrigo Palacio, mentre in area dell'Inter fa buona guardia Samir Handanović sul tentativo di Stefano Sturaro. L'Inter colpisce l'incrocio dei pali con Xherdan Shaqiri - il successivo gol di Brozović è annullato per fuorigioco - poi allo scadere del primo tempo arriva il pareggio.

L'arbitro punisce l'intervento in area di Nemanja Vidić su Alessandro Matri e Marchisio trasforma il rigore assegnato, firmando l'1-1. Nella ripresa ci sono subito due chance per Morata, poi Icardi mette fuori di testa. Per l'attaccante spagnolo ex Real Madrid CF, decisivo mercoledì in UEFA Champions League contro la sua vecchia squadra, non sembra serata, ma a sette minuti dalla fine è proprio lui a trovare il gol-vittoria per gentile concessione di Handanović, che compie un errore incredibile sul tiro da fuori dell'attaccante spagnolo.

Storari invece salva il risultato con un doppio incredibile intervento su Palacio e poi Icardi, per l'Inter - che resta a tre punti dal quinto posto con sole due gare da giocare - è notte fonda...

Dopo due partite, la Lazio ritrova la vittoria in campionato e scavalca momentaneamente al secondo posto la Roma. A Marassi, il primo tempo contro la Sampdoria è abbastanza equilibrato, con i Biancocelesti pericolosi con Marco Parolo e Antonio Candreva e la Sampdoria vicina al gol due volte con Roberto Soriano. La migliore chance capita comunque alla squadra di Siniša Mihajlović, che a due minuti dall’intervallo calcia con il centrocampista spagnolo Pedro Obiang - servito da Lorenzo De Silvestri - verso la porta avversaria ma manda alto sopra la traversa.

Nella ripresa i Blucerchiati hanno un’altra ghiotta chance, con Samuel Eto’o, che liberato da Soriano si presenta davanti a Etrit Berisha ma calcia a lato. Dopo dieci minuti della ripresa arriva il gol-vittoria. Lo realizza Gentiletti, con un tocco di ginocchio sugli sviluppi di un corner battuto da Cristian Ledesma: per il difensore argentino, che non giocava dal 21 settembre dopo essersi rotto il crociato proprio a Marassi contro il Genoa CFC, è la prima rete in campionato.

I Biancocelesti di Stefano Pioli sfiorano due volte il raddoppio con Candreva, ma portano comunque a casa tre punti preziosissimi in chiave UEFA Champions League; la Sampdoria resta sesta a un punto dall’ACF Fiorentina.

Gli altri campionati
Premier League: Il Palace rovina l'addio di Gerrard
Bundesliga: Il Gladbach ai gironi di Champions
Ligue 1: Terzo titolo di fila per il PSG 

In alto