Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Il Salisburgo si prende anche la Coppa d'Austria

"E' la ciliegina sulla torta", commenta l'allenatore Roger Schmidt che il prossimo anno allenerà il Bayer Leverkusen: la sua squadra batte 4-2 il St Pölten e festeggia il double, dopo aver vinto il campionato austriaco.

Roger Schmidt sta per lasciare Salisburgo
Roger Schmidt sta per lasciare Salisburgo ©Getty Images

Il FC Salzburg batte 4-2 l’SKN St Pölten, squadra di seconda divisione, e conquista la Coppa d’Austria, festeggiando il “double” dopo aver vinto l’Austrian Bundesliga.

Già laureatasi campione d’Austria, la squadra guidata da Roger Schmidt passa in vantaggio al Wörthersee Stadion di Klagenfurt dopo 35 minuti di gioco, quando Stefan Ilsanker serve Florian Klein, che fa centro da posizione angolata. Il St Pölten, outsider di questa finale, pareggia quasi subito con un colpo di testa di Alejandro Velasco Fariñas sugli sviluppi di un corner; ma è un fuoco di paglia, perchè Kevin Kampl riporta avanti il Salisburgo pochi attimi dopo, trovando il varco giusto dopo una parata di Patrick Kostner su Klein.

Capocannoniere in UEFA Europa League, Jonatan Soriano firma il terzo gol del Salisburgo poco dopo l’ora di gioco sfruttando l’ottimo lavoro di Valon Berisha e in rapida successione realizza il raddoppio. Gary Noel riporta in partita il St Pölten, ma il Salisburgo resiste e porta a casa il secondo successo in Coppa d’Austria. Schmidt lascia il Salisburgo da trionfatore, visto che la prossima stagione allenerà in Germania il Bayer 04 Leverkusen.

“Abbiamo vissuto una grande stagione e questa è la ciliegina sulla torta”, ha dichiarato il tecnico, “Si vedeva che per noi non sarebbe stata facile. Il St Pölten è stato un degno avversario. Sono molto orgoglioso di ciò che ho raggiunto. Non importa dove giochiamo, siamo sempre i favoriti. Ora festeggieremo degnamente. Credo che la squadra farà una grande festa. Lo merita".

In alto