Lo Sparta fa 36 in Repubblica ceca

La delusione per la prima sconfitta stagionale passa subito: il mancato successo dell'FC Viktoria Plzeň contro l'FK Jablonec regala comunque il titolo all'AC Sparta Praha.

David Lafata festeggia da capitano
David Lafata festeggia da capitano ©Martin Sekanina

L'AC Sparta Prague festeggia il campionato ceco per la 36esima volta grazie al mancato successo dell'FC Viktoria Plzeň contro l'FK Jablonec.

Lo Sparta poteva chiudere i conti già sabato, ma l'unica squadra europea ancora imbattuta in campionato è stata clamorosamente sconfitta in casa dell'FK Teplice. Il Plzeň ha però pareggiato 2-2 con il Jablonec e il titolo torna quindi allo stadio Letná dopo quattro anni di attesa.

"La nostra stagione non è iniziata bene con l'eliminazione dalla Europa League che ha influito anche sulle prestazioni in campionato”, ha detto il tecnico Vítězslav Lavička, che da calciatore aveva vinto sette campionati con lo Sparta. "Però siamo riusciti a raddrizzare la situazione in tempo riprendendo la strada giusta”.

"Il nostro prossimo obiettivo è quello di qualificarci per la fase a gironi di Champions League – ha aggiunto il 51enne che ha vinto titoli anche con FC Slovan Liberec (2006) e Sydney FC (2010). "Vogliamo offrire grandi partite ai nostri tifosi per il 120esimo anniversario del club".

I campioni della Repubblica ceca inizieranno dal secondo turno preliminare. Intanto il 17 maggio ci sarà la finale di coppa contro il Plzeň, mentre Josef Hušbauer (già 15 gol in campionato) cercherà di diventare il primo centrocampista a vincere la classifica dei cannonieri. "E' interessante, ma conta di più il successo della squadra”, ha detto Hušbauer. Il suo avversario più vicino è il compagno di squadra David Lafata.

In alto