Il sito ufficiale del calcio europeo

La tua squadra, il suo onore e il nostro eroe

Pubblicato: Venerdì, 17 gennaio 2014, 9.08CET
Nella rubrica di questa settimana segnaliamo un nuovo partner d'attacco per Cristiano Ronaldo, l'ennesimo record di Petr Čech e le doti di bagnino di Kevin Kuranyi. Questo e altro nell'approfondimento di UEFA.com.
La tua squadra, il suo onore e il nostro eroe
Cristiano Ronaldo commosso alla consegna del Pallone d'Oro 2013 ©Getty Images

Approfondimenti UEFA.com

Time for Action: prima strategia UEFA per il calcio femminile
  • Time for Action: prima strategia UEFA per il calcio femminile
  • UEFA Champions Festival a Madrid nella settimana della finale
  • Dichiarazione UEFA dopo l'incontro con le federazioni
  • Una nuova alba per il futsal
  • La Squadra della Settimana di Europa League
  • Le grandi rimonte in UEFA Champions League
  • La Squadra della settimana di Europa League
  • Buffon, Ronaldo, Ibra & co.: i cavalieri che non fecero l'impresa
  • La Squadra della Settimana di Europa League
  • La squadra della settimana di UEFA Europa League
1 di 10
Pubblicato: Venerdì, 17 gennaio 2014, 9.08CET

La tua squadra, il suo onore e il nostro eroe

Nella rubrica di questa settimana segnaliamo un nuovo partner d'attacco per Cristiano Ronaldo, l'ennesimo record di Petr Čech e le doti di bagnino di Kevin Kuranyi. Questo e altro nell'approfondimento di UEFA.com.

Squadra: Squadra dell'Anno 2013 degli utenti di UEFA.com 

"Un grande onore - ha twittato il calciatore del Borussia Dortmund Marco Reus dopo avere scoperto mercoledì di essere stato inserito nella Squadra dell'Anno 2013 degli utenti di UEFA.com -. Ringrazio tutti i tifosi".

Quest'anno, l'interesse intorno alla squadra ideale è stato senza precedenti. Oltre 6,3 milioni di voti sono pervenuti entro il termine del 9 gennaio. Reus è uno dei volti nuovi della squadra, mentre Cristiano Ronaldo vi figura per la settima volta consecutiva, record assoluto. Per la prima volta dal 2007 avrà un nuovo partner d'attacco, Zlatan Ibrahimović, preferito a Lionel Messi.

Calciatore: Domenico Berardi (US Sassuolo Calcio) 

"Una giornata che non dimenticherò mai", ha dichiarato Berardi, 19enne attaccante del Sassuolo, autore domenica di quattro reti nello spazio di 32 minuti nella gara vinta 4-3 dalla sua squadra contro l'AC Milan.

La carriera di Berardi è iniziata in circostanze curiose. Invitato quattro anni fa a giocare una partita di calcetto mentre era in visita dal fratello universitario a Modena, fece talmente bene da essere chiamato per un provino al Sassuolo. Ha esordito in prima squadra a agosto 2012, realizzando 11 reti e contribuendo alla promozione del club emiliano in Serie A la scorsa stagione. Nel 2013/14 ha già eguagliato il bottino di reti. La prossima tappa sarà il Brasile?

Gol: Alessandro Florenzi (AS Roma)
L'imbattibilità della Roma in campionato è terminata il 5 gennaio sul campo della Juventus, ma i giallorossi hanno risposto battendo 4-0 in casa il Genoa CFC lo scorso fine settimana. A sbloccare il risultato ci ha pensato Florenzi, prodotto del vivaio, con una rovesciata perfetta al 25'. "Dopo l'allenamento resto sempre qualche minuto a provare questi colpi con alcuni compagni”, ha dichiarato il 22enne centrocampista azzurro.

Anche il suo capitano, il 37enne Francesco Totti, ha espresso la sua ammirazione. "Se segno un gol così, mi ritiro. Solo che, vista l'età, rischio di non rialzarmi più”.

Frase

"In una parola, è la magia del calcio".

Sarebbe più di una parola, ma non è il caso di sottilizzare con Ziad Fakhri, presidente dell'AS Cannes, formazione di quarta serie in cui hanno mosso i primi passi Zinédine Zidane e Johan Micoud, che ha eliminato l'AS Saint-Étienne ai calci di rigore in Coppa di Francia questa settimana.

Numero: 209
Petr Čech ha mantenuto inviolata la porta del Chelsea FC per la 209esima volta sabato scorso in occasione del successo dei londinesi per 2-0 contro l'Hull City AFC, battendo il record del club che apparteneva a Peter Bonetti. "Ci tengo molto a questo record. E' un numero molto grande – ha ammesso il 31enne portiere ceco -. Lo metterò sul curriculum”. Il capitano dei Blues Frank Lampard si è unito ai complimenti: “L'unico problema è che la gente si è abituata a questo rendimento. Siamo fortunati ad averlo con noi”.

Salvataggio: Kevin Kuranyi (FC Dinamo Moskva) 

Una donna è stata fortunata a imbattersi in Kuranyi lo scorso fine settimana a Rio de Janeiro. Il 31enne ex attaccante della Germania si è tuffato in mare per trarre in salvo una bagnante in difficoltà.

"Era anziana, un po' sovrappeso e forse non ha valutato bene le proprie forze – ha dichiarato il calciatore della Dinamo Moskva, dopo che lui e un amico avevano riportato a riva la donna -. Non sono un eroe. Non ce l'avrei fatta da solo”. Da Kuranyi, alle prese con un infortunio che lo tormenta dall'inizio della stagione, i tifosi della Dinamo si aspettano che trascini la squadra dall'attuale quarto posto alla UEFA Champions League alla ripresa del campionato in Russia.

Centrifuga: ADO Den Haag 

Lo staff e i calciatori della formazione olandese del Den Haag hanno effettuato diverse esercitazioni antincendio nelle ultime settimane. Le giornate al Forepark Stadion sono state spesso caratterizzate dall'annuncio “Si prega di evacuare lo stadio in modo ordinato”. Il problema, è emerso, era legato alle lavatrici della squadra.

Da quando ha abbandonato il vecchio Zuiderpark, il Den Haag si allena al Forepark. Anche la vecchia lavanderia è stata trasferita, salvo andare in conflitto con l'impianto elettrico della nuova sede. "Poiché adesso tutte le sedute di allenamento si svolgono al Forepark, anche le divise vengono lavate qui – ha dichiarato un portavoce dell'ADO -. L'uso di molte lavatrici nello stesso momento faceva saltare un fusibile e scattare l'allarme”.

Vacanza fortunata: Miguel Escalona (AEK Larnaca FC)
Il portiere spagnolo Miguel Escalona ha ottenuto più di quanto immaginasse dal viaggio a Cipro per trascorrere una vacanza invernale di due settimane. Andato a visitare un amico, il difensore dell'AEK Larnaca Ander Murillo, il 30enne ex portiere di Athletic Club e Logroñés CF ha finito con il trasferirsi al club cipriota nonostante non giocasse dal 2012.

"Miguel conosceva Ander dai tempi del Bilbao – ha spiegato il direttore generale dell'AEK Evmeos Efthymiades a UEFA.com -. Durante la visita ha chiesto di allenarsi con noi per tenersi in forma essendo svincolato. In quel momento abbiamo dovuto lasciare andare il nostro secondo portiere per un riassetto finanziario. Allora Miguel ci ha chiesto se eravamo interessati a lui, e lo eravamo!”.


Ultimo aggiornamento: 17/01/14 12.37CET

Informazioni collegate

Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/news/newsid=2044702.html#la+squadra+onore+nostro+eroe