Michel Platini: grazie, Sir Alex

"Un vero visionario": è così che il Presidente UEFA descrive Sir Alex Ferguson, che ha annunciato il ritiro a fine stagione. Le parole di elogio di Michel Platini e del mondo del calcio.

Michel Platini e Sir Alex Ferguson presso la sede UEFA di Nyon
Michel Platini e Sir Alex Ferguson presso la sede UEFA di Nyon ©UEFA.com

"Un vero visionario": è così che il Presidente UEFA Michel Platini descrive Sir Alex Ferguson, che ha annunciato il ritiro a fine stagione.

Il Signor Platini ha dichiarato: "Sir Alex ha dato un enorme contributo al calcio, non solo in Scozia e in Inghilterra ma in tutta Europa e anche oltre". Il tecnico, 71 anni, ha guidato il Manchester United FC per oltre un quarto di secolo, vincendo 13 campionati e due UEFA Champions League. "Il suo impegno, la sua attenzione al dettaglio e il suo intuito per i nuovi talenti, sia con il Manchester United FC che con l'Aberdeen FC, hanno dato grandi risultati in 30 anni. Il suo curriculum è quasi unico, in una professione basata sui risultati e che normalmente si concentra su soluzioni a breve termine piuttosto che sul lungo periodo".

"È un vero visionario - ha proseguito il presidente UEFA -. Spero che, avendoci aiutati in passato in varie iniziative per allenatori, continuerà a collaborare con la UEFA per condividere la sua sapienza con la prossima generazione di allenatori che vogliono sicuramente emulare le sue imprese in questo sport".

UEFA.com riporta i commenti più significativi da tutta Europa riguardo al ritiro di Sir Alex.

Sepp Blatter, Presidente FIFA
I suoi successi nel calcio lo collocano indubbiamente fra i grandi. È stato un onore consegnare a Sir Alex il Pallone d'Oro FIFA 2011. Chissà se qualcuno riuscirà a rimanere al top quanto lui.

Marcello Lippi, ex allenatore SSC Napoli, FC Internazionale Milano, Juventus e Italia 
Non me l'aspettavo. Ci ho parlato tante volte anche negli ultimi anni e mi ha sempre ripetuto che il calcio era la sua vita e che non aveva troppa voglia di tornare a casa dal 'comandante', sua moglie. Una persona di tale cultura e con la sua intelligenza può fare tutti i lavori che vuole. È giusto che vada in giro per il mondo per rappresentare il calcio, non solo lo United.

Io non parlo inglese, e lui parla un inglese molto particolare. Abbiamo scoperto che parlavamo entrambi il francese e da lì abbiamo preso a comunicare così. C'è stato un grande rapporto. Ci scambiavamo bottiglie. Penso che il suo più grande traguardo sia stato quello di cambiare le sue squadre continuando a vincere. 

Peter Schmeichel, ex portiere del Manchester United e della Danimarca
Sono amareggiato, sorpreso, triste. Non mi aspettavo che quel giorno sarebbe arrivato oggi. Conoscendo Sir Alex da più di 20 anni, e da quel che ha sempre detto, non ha senso che smetta proprio ora.

Paul Ince, ex centrocampista del Manchester United e dell'Inghilterra
Sono assolutamente sotto choc. Quello che ha fatto è incredibile e non si ripeterà mai più. Due settimane fa diceva di voler rimanere altri due anni, quindi è una vera sorpresa. Mi ha sempre trattato come un figlio.

Michael Owen, ex attaccante del Manchester United e dell'Inghilterra
Non suona bene. Il Manchester United senza Sir Alex è un'altra cosa. È un privilegio aver giocato con quello che probabilmente è stato il più grande allenatore del mondo. I suoi trionfi non verranno mai eclissati. È straordinario leggere tutti i suoi successi da allenatore.

Michael Laudrup, ex attaccante di Juventus, FC Barcelona, Real Madrid CF e AFC Ajax, attuale tecnico dello Swansea City AFC
Purtroppo, la parola leggenda viene usato troppo spesso al giorno d'oggi, ma in questo caso si può parlare veramente di una leggenda del calcio. Quindi, sono orgoglioso di essere stato l'ultimo avversario di Ferguson [sulla panchina dello Swansea] nella sua ultima gara all'Old Trafford.

Vincent Kompany, capitano del Manchester City
Sir Alex è uno dei più grandi allenatori di tutti i tempi. Dopo 26 anni di successi, tutti noi gli dobbiamo un tributo.

Alex McLeish, ex difensore dell'Aberdeen FC
Ha appena vinto il suo 20esimo campionato con il Manchester United, quindi ha probabilmente pensato che fosse il momento giusto. Sono davvero orgoglioso di aver lavorato con lui. Sono sicuro che avrà ancora tanto da dare a questo sport. Il prossimo allenatore del Manchester United avrà una grande responsabilità.

David Bernstein, presidente FA 
I traguardi raggiunti da Sir Alex Ferguson sono veramente notevoli. E' certamente uno dei più grandi tecnici di tutti i tempi e dell'era moderna. Il suo contributo al calcio inglese è incredibile sotto ogni punto di vista, e in 150 anni di FA, è qualcosa che dovrebbe essere celebrato. A nome della FA vorrei augurargli un ritiro felice e ricco di salute.

Neil Lennon, allenatore del Celtic FC
E' un privilegio conoscere Sir Alex e vorrei ringraziarlo per tutto il supporto che mi ha dato come tecnico. Non c'è miglior aiuto e consiglio di quelli offerti da Sir Alex Ferguson. Ha un'esperienza decennale sulla panchina e soprattutto sa come si vince.

Ha regalato ai tifosi del Manchester United un glorioso periodo di successi, portando numerosi trofei a Old Trafford e rendendo questo club uno dei più importanti al mondo. La sua forza di carattere, la passione e la sua apertura mentale lo hanno portato a raggiungere grandi traguardi. 

Ruud van Nistelrooy, ex attaccante del Manchester United e dell'Olanda 
2001-2006, 219 partite, 150 gol sotto la guida del tecnico più vincente nella storia del calcio. E' stato un privilegio unico. 

Edwin van der Sar, ex portiere Manchester United e Olanda
Si attendeva la notizia da tempo ormai ma è comunque uno shock che non è ancora stato metabolizzato. Un grande allenatore e una persona deliziosa.

Bryan Robson, ex capitano del Manchester United
Per me si deve dire che è stato in assoluto il migliore allenatore di club al mondo. Ha ricostruito quattro o cinque squadre per avere successo, e guarda cosa ha fatto all'Aberdeen. Credo debba essere considerato il migliore. 

Ottmar Hitzfeld, ex allenatore di Borussia Dortmund e FC Bayern München, attuale Ct della Svizzera
Ha lavorato così a lungo al Manchester United che non ci si ricorda nemmeno chi fosse il suo predecessore. Sembra che abbia pensato che questo fosse il momento giusto per lasciare avendo vinto il campionato. Resterà sicuramente un rappresentante per il Manchester e il club. 

In alto