Il sito ufficiale del calcio europeo

Le serie positive più lunghe d'Europa

Pubblicato: mercoledì, 13 dicembre 2017, 15.00CET
Il Celtic ha raggiunto quota 56 gare senza sconfitte nella Premier League scozzese, un traguardo che permette alla squadra di Brendan Rodgers di entrare nel club delle invincibili, e serie che si chiude dopo la sconfitta per 4-0 contro gli Hearts.
Le serie positive più lunghe d'Europa
FC Steaua Bucureşti 1986 ©Bob Thomas/Getty Images

Approfondimenti UEFA.com

Conferenza #EqualGame sulla diversità
  • Conferenza #EqualGame sulla diversità
  • Il potere della diversità nel calcio
  • Dichiarazioni di interesse tornei giovanili UEFA
  • Your Move: una mascotte con una differenza per UEFA EURO 2020
  • La Squadra della Settimana di Europa League
  • La squadra della settimana di UEFA Europa League
  • Il poker speciale di Seedorf
  • Zidane torna a Madrid: i super allenatori in Champions League
  • La Squadra della settimana di Europa League
  • Le grandi rimonte in UEFA Champions League
1 di 10
Pubblicato: mercoledì, 13 dicembre 2017, 15.00CET

Le serie positive più lunghe d'Europa

Il Celtic ha raggiunto quota 56 gare senza sconfitte nella Premier League scozzese, un traguardo che permette alla squadra di Brendan Rodgers di entrare nel club delle invincibili, e serie che si chiude dopo la sconfitta per 4-0 contro gli Hearts.

Perdendo 4-0 contro gli Hearts, il Celtic si è fermato a 56 gare senza sconfitte nella Premier League scozzese, un traguardo sufficiente per entrare nel club delle imbattibili di UEFA.com. Ecco le strisce più lunghe senza sconfitte nei vari campionati europei. 

104: Steaua Bucarest (1986–89)
La squadra romena ha stabilito il primato di imbattibilità a metà degli anni '80, quando era guidata da Emeric Jenei e Anghel Iordănescu. Vincitrice della Coppa dei Campioni 1985/86, semifinalista nel 1987/88 e vicecampione nel 1988/89, la Steaua di Miodrag Belodedici, László Bölöni, Marius Lăcătuş, Victor Piţurcă e Gavril Balint era invincibile in casa e ha ceduto solo scettro solo nel 1989/90 all'FC Dinamo Bucureşti. Il club ha vinto tutte le 15 partite  giocate in Coppa rumena in quel periodo, portando la sua striscia di imbattibilità nelle competizioni nazionali a 119 gare.

88: Lincoln (2009–14)
Il 2 luglio 2014, il Lincoln è diventato la prima squadra di Gibilterra a giocare in Europa, pareggiando 1-1 contro l’HB Tórshavn. Al ritorno nelle Isole Faroe ha perso 5-2, rimediando una sconfitta alla quale non era certamente abituato. Dal 9 maggio 2009 al 19 settembre 2014, infatti, la squadra non ha mai perso nella Premier Division gibilterrina, arrivando a 1959 giorni di imbattibilità: si tratta della striscia cronologica più lunga in campionato (nello stesso periodo ha però subito due sconfitte in Rock Cup e quella contro l’HB). Il Lincoln si è aggiudicato 14 campionati consecutivi dal 2002/03 al 2015/16, eguagliando il record europeo dello Skonto.

63: Sheriff (2006–08)
La formazione di Tiraspol ha dominato il calcio moldavo vincendo 10 campionati consecutivi dal 2001 al 2010. Ha raggiunto il traguardo massimo nel 2006/07 con il tecnico Leonid Kuchuk, diventando la prima squadra a vincere un il titolo nazionale senza mai perdere un incontro. L'FC Zimbru Chisinau ha interrotto la sua striscia positiva a marzo 2008, anche se lo Sheriff ha poi vinto il titolo.

62: Celtic (1915–17)
Con il primo tecnico della sua storia, Willie Maley, il Celtic ha stabilito il record britannico di 62 partite senza sconfitte da novembre 1915 ad aprile 1917. In questa serie positiva si contano anche due partite giocate nello stesso giorno contro Raith Rovers FC e Motherwell FC. Patsy Gallagher e Jimmy 'Napoleon' McMenemy erano le stelle di una squadra in cui militava anche Alec 'The Icicle' McNair, detentore del record di presenze del club (604).

61: Levadia Tallinn (2008–09)
La squadra, sponsorizzata da un'acciaieria locale, ha fatto sentire la sua solidità al resto dell'Estonia con il tecnico Igor Prins, perdendo il primato a novembre 2009 contro il JK Trans Narva alla penultima giornata. "I tifosi ricorderanno la nostra imbattibilità, ma ammetto che siamo stati superiori per mancanza di avversari", ha commentato Prins all'epoca.

60: R. Union Saint-Gilloise (193335)
Ancora conosciuto come Union 60 per la sua striscia di imbattibilità, che si è conclusa nel febbraio 1935 contro il Daring Club de Bruxelles, la squadra dei sobborghi della capitale belga ha vinto tre titoli consecutivi dal '33 al '35. Per ricordare l'impresa, ogni anno viene assegnata la Coppa Pappaert alla squadra meno battuta. Il trofeo prende il nome dall'allora capitano Jules Pappaert, leader della squadra insieme all'attaccante Vital Van Landeghem (capocannoniere nazionale nel 1934 con 29 gol).

59: Shirak (199395)
59: Pyunik (2002
04)
In Armenia, il primato è condiviso due squadre. "Lo Shirak era una grande squadra a quei tempi - ricorda Andranik Adamyan, in panchina negli anni '90 -. C'erano dei leader, ma tutti i giocatori si davano da fare e volevano migliorare. Lavoravamo bene e avevamo una mentalità vincente: per questo non perdevano mai". Al contrario dello Shirak, il Pyunik è stato guidato da tre allenatori diversi: Oscar López, Mihai Stoichiță e Vardan Minasyan.

58: Milan (199193)
Mentre il Milan campione d'Europa nel 1989 e 1990 con Arrigo Sacchi era quello degli "immortali", la squadra che ha vinto tre Scudetti consecutivi con Fabio Capello dal 1992 al 1994, oltre alla UEFA Champions League 1993/94, era quella degli "invincibili"'. I rossoneri hanno infatti vinto il titolo 1991/92 senza mai perdere. "Capello ha proseguito ottimamente il lavoro di Sacchi, aggiungendo solo alcune piccole tessere e completando un mosaico perfetto", ha dichiarato l'ex rossonero Roberto Donadoni.

58: Olympiacos (197274)
Dopo gli investimenti del magnate delle spedizioni e presidente del club Nikos Goulandris, le sconfitte contro il PAOK FC nell'ottobre 1972 e ad aprile 1974 hanno racchiuso la straordinaria marcia dell'Olympiacos con il tecnico Lakis Petropoulos. La formazione del Pireo ha vinto tre titoli consecutivi dal 1972 al 1975, stabilendo il record di 104 gol nella stagione 1973/74. Il bomber era Yves Triantafyllos, che in tre anni ha messo a segno 58 gol in 80 presenze, mentre Giorgos Delikaris, Michalis Kritikopoulos e Romain Argyroudis erano i punti cardinali di una squadra che ha fatto la storia del calcio greco.

58: Skonto (199396)
All'inizio di una carriera da allenatore che avrebbe raggiunto l'apice a UEFA EURO 2004 con la Lettonia, Aleksandrs Starkovs ha sbaragliato ogni concorrente grazie a giocatori come Vitālijs Astafjevs, Jurijs Ševļakovs, Mihails Zemļinskis e Vladimirs Babičevs, che sostituivano l'ossatura dello Skonto e della nazionale. "Ogni punto che perdevamo era un duro colpo per noi, perché eravamo sicuri di vincere sempre - ha commentato il capitano di lungo corso  Zemļinskis -. Quella mentalità ci ha permesso di vincere 14 campionati consecutivi. Nel 1994 e nel 1995 non abbiamo mai perso in campionato".

56: SL Benfica (197678)
Il Porto è arrivato a una lunghezza dal record nazionale in Liga, stabilito con l'inglese John Mortimore. L'ex difensore del Chelsea FC poteva fare affidamento su grandi campioni come  Fernando Chalana, Humberto Coelho, Toni, Nené, Manuel Bento, Shéu, João Alves e Minervino Pietra (attuale assistente di Rui Vitória al Benfica). L'undici di Mortimore è rimasto imbattuto dall'ottobre 1976 fino alla sconfitta per 1-0 contro il Porto a fine agosto 1978.

55: Porto (201012)
Dopo che Jesualdo Ferreira ha dato inizio alla striscia positiva a marzo 2010, André Villas-Boas l'ha proseguita nella stagione in cui il Porto ha anche vinto la UEFA Europa League 2010/11. I lusitani hanno perso lo scettro domenica con Vítor Pereira, arrendendosi 3-1 al Gil Vicente FC. "Abbiamo dimostrato un'apatia inammissibile per una squadra che vuole diventare  campione", ha commentato il tecnico, che se non altro ha superato il record di 53 gare di Sir Bobby Robson (1994-1996).

55: Shakhtar Donetsk (200002)
L'epoca d'oro dello Shakhtar è iniziata con un 2-1 sull'FC Nyva Ternopil a giugno 2000 ed è continuata nonostante le dimissioni del tecnico Viktor Prokopenko. Il suo incarico è stato rilevato da Nevio Scala, che ha tirato fuori il meglio da giocatori come Anatoliy Tymoshchuk, Andriy Vorobey, Julius Aghahowa, Isaac Okoronkwo, Brandão e Mariusz Lewandowski. L'ex allenatore del Parma ha portato lo Shakhtar al primo titolo della sua storia nel  2001/02. Il primato si è interrotto la stagione successiva alla sesta giornata, mentre Scala ha lasciato la squadra tre gare dopo.

=56: Celtic (2016–2017)
Brendan Rodgers ha guidato il Celtic per gran parte della corsa, ma il loro periodo da imbattuti ha avuto inizio con l'ultima gara sotto la guida di Ronny Delia, un 7-0 contro il Motherwell nell'ultima gara del 2015/16. Da allora, gli Hoops sono stati devastanti nella Scottish Premier League, superando il loro record del 195-17, quando arrivarono a 63 partite senza sconfitte in competizioni domestiche lo scorso mese contro il St Johnstone, l'ultima squadra scozzese a riuscire a costringerli alla sconfitta prima degli Hearts, capaci di sconfiggere i giganti di Glasgow 4-0.

Ultimo aggiornamento: 20/03/18 10.49CET

Informazioni collegate

Profili squadre

https://it.uefa.com/memberassociations/news/newsid=1746249.html#le+serie+positive+lunghe+deuropa