Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Il CSKA conquista la Coppa di Russia

Nella finale la squadra di Leonid Slutski ha la meglio 2-1 sull'Alania Vladikavkaz, squadra di seconda divisione: decisiva la doppietta dell'attaccante ivoriano Doumbia.

©AFP

Il PFC CSKA Moskva festeggia nel migliore dei modi il suo centeneraio vincendo per la sesta volta la Coppa di Russia, un record: in finale, la squadra di Leonid Slutsky supera 2-1 il FC Alania Vladikavkaz, squadra che milita in seconda divisione.

La formazione moscovita prevale a Yaroslavl grazie alla doppietta di Seydou Doumbia. L’attaccante ivoriano sblocca il risultato al 13’, imbeccato da un intelligente passaggio di Vágner Love. Il CSKA sembra in totale controllo della finale, ma i suoi avversari riescono a pareggiare dopo nove minuti: è Danilo Neco ad andare a segno con un tiro deviato su cui Igor Akinfeev non può nulla.

Incredibile a dirsi, è il primo gol realizzato dall’Alania nella Coppa di Russia, visto che la capolista della seconda divisione si è qualificata per la finale con una serie di successi ai rigori dopo che i suoi impegni nei tempi regolamentari si erano tutti conclusi sullo 0-0. I ragazzo di Slutski non si scompongono e tornano in vantaggio con un colpo di testa di Doumbia, che sfrutta alla perfezione un cross di Keisuke Honda a 21 minuti dalla fine.

"Il CSKA non ha mai avuto finali semplici e anche quest’anno è stata la stessa cosa", ha spiegato Slutski, al primo trofeo importante, "Le emozioni erano opprimenti. Abbiamo vinto la coppa, quindi non ha senso discutere sulla qualità della partita”.

“E’ un grande risultato e una grande vittoria, ma il mio auspicio è che ne arrivino altre”, ha aggiunto il centrocampista del CSKA e della Serbia, Zoran Tošić. “La partita è stata difficile, malgrado l’Alania giochi in seconda divisione, ma dopo tutto era una finale di coppa. Ho avuto tre occasioni e non ho segnato, ma abbiamo vinto il trofeo ed è tutto ciò che conta”.

In alto