Il sito ufficiale del calcio europeo

Derby all'Inter, scudetto alla Juve

Pubblicato: Domenica, 6 maggio 2012, 14.42CET
A un turno dalla fine, il Milan "abdica": i Rossoneri perdono 4-2 la stracittadina e cedono il titolo ai Bianconeri, che battono 2-0 in trasferta il Cagliari e possono festeggiare il titolo con una settimana di anticipo.
Derby all'Inter, scudetto alla Juve
Mirko Vučinić (Juventus) & Albin Ekdal (Cagliari Calcio) ©Getty Images
Pubblicato: Domenica, 6 maggio 2012, 14.42CET

Derby all'Inter, scudetto alla Juve

A un turno dalla fine, il Milan "abdica": i Rossoneri perdono 4-2 la stracittadina e cedono il titolo ai Bianconeri, che battono 2-0 in trasferta il Cagliari e possono festeggiare il titolo con una settimana di anticipo.

Dopo nove anni, la Juventus torna ad appropriarsi dello scudetto, il 28esimo della sua storia. Nei posticipi della 37esima giornata, la Signora passa d’autorità – 2-0 – sul campo del Cagliari Calcio e rende incolmabile il suo vantaggio sull’AC Milan, sconfitto 4-2 in un emozionante derby contro l’FC Internazionale Milano. L’Udinese Calcio piazza l’allungo con ogni probabilità vincente nella corsa al terzo posto: la squadra di Francesco Guidolin batte 2-0 il Genoa CFC e porta a tre punti il suo vantaggio sull’SSC Napoli, sconfitto con lo stesso punteggio sul campo del Bologna FC. Vincono anche S.S. Lazio e Parma FC.

A Trieste, la Juventus passa in vantaggio dopo appena sei minuti con Mirko Vučinić, che scatta sul filo del fuorigioco e supera il portiere avversario con un preciso piatto destro. Il raddoppio arriva al 74’ con un’autorete di Michele Canini. Al fischio finale si scatena la gioia dei giocatori bianconeri e del loro tecnico, Antonio Conte: se domenica prossima non perderanno contro l’Atalanta BC, vinceranno il titolo di campioni d’Italia da imbattuti.

A San Siro l’Inter passa in vantaggio al 14’ con Diego Milito, ma prima dell’intervallo il Milan riesce a pareggiare grazie a un rigore trasformato dall’ex Zlatan Ibrahimović. A inizio ripresa “Ibra” si ripete e batte ancora Júlio César con una bellissima conclusione ravvicinata, ma la squadra di Andrea Stramaccioni, anziché abbattersi per l’uno-due subito, si risolleva. Milito trasforma altri due tiri dal dischetto (52’ e 80’) e porta avanti i Nerazzurri, raggiungendo quota 23 reti nella classifica marcatori; all’87’ un gran destro dalla distanza di Maicon fissa il risultato sul definitivo 4-2. L’Inter raggiunge il Napoli al quinto posto, il Milan cede invece il suo scettro.

Nel pomeriggio l'Udinese si impone contro un Genoa che si giocherà  la salvezza all'ultima giornata. I gol, uno per tempo, portano la firma di Antonio Di Natale (22esimo centro in campionato) e dell’ex Antonio Floro Flores; il Genoa conclude la sfida in nove uomini per le espulsioni di Juarj Kucka e Rodrigo Palacio.

Non tiene il passo dell’Udinese il Napoli, che cade al Dall’Ara e deve probabilmente dire addio alla UEFA Champions League. La squadra di Walter Mazzarri parte bene e colpisce tre legni nel primo tempo, ma sono i rossoblù di Stefano Pioli a vincere grazie ai gol di Alessandro Diamanti e Matteo Rubin. Un rosso per squadra: Archimede Morleo tra i padroni di casa, Blerim Džemaili tra gli ospiti. Che nell’ultima giornata, oltre al centrocampista belga, non avranno Edinson Cavani e Salvatore Aronica.

Dopo cinque partite, torna a vincere la Lazio, che passa 2-0 sul campo dell’Atalanta. Le reti dei biancocelesti portano la firma di Libor Kozák e di Lorik Cana, mentre i bergamaschi finiscono in inferiorità numerica per l’espulsione di Guglielmo Stendardo, un ex.

Il Parma ottiene la sesta vittoria consecutiva e raggiunge l’AS Roma al settimo posto. All’Artemio Franchi, nell’anticipo dell’ora di pranzo, la squadra di Roberto Donadoni ha la meglio 2-0 sull’AC Siena. I Ducali riescono a imporsi nella parte finale di gara. Al 67’ è Sebastian Giovinco, al quindicesimo gol in campionato, a realizzare il vantaggio; il raddoppio arriva a tempo scaduto grazie a Sergio Floccari. Tre punti che consentono al Parma di sperare ancora nella qualificazione europea; il Siena di Giuseppe Sannino resta invece fermo a quota 44.

Brilla la stella di Marco Rigoni nel 3-0 con cui il Novara Calcio stende l’AC Cesena: il numero 10 dei piemontesi segna una splendida tripletta, con i primi due gol su calcio di rigore. Finisce con un pirotecnico 4-4 la sfida tra US Città di Palermo e AC Chievo Verona: Fabrizio Miccoli mette a segno una tripletta, Sergio Pellissier una doppietta.

Ultimo aggiornamento: 07/05/12 3.09CET

Risultati

Serie A 2011/12

Matches
In casaFuori casa
Ultimo aggiornamento: 08/05/2012 18:47 CET

06/05/2012

CagliariCagliari0-2JuventusJuventus

Vučinić 6, Canini 74 (a.g.)

Città: Trieste

06/05/2012

InternazionaleInternazionale4-2MilanMilan

Milito 14, 52 (P), 79 (P), Maicon 87

Ibrahimović 44 (P), 46

Città: Milano

06/05/2012

PalermoPalermo4-4ChievoChievo

Miccoli 10 (P), 19, 74, Silvestre 89

Pellissier 27 (P), 72, Uribe 30, Luciano 46

Città: Palermo

06/05/2012

UdineseUdinese2-0GenoaGenoa

Di Natale 30, Floro Flores 66

Città: Udine

06/05/2012

BolognaBologna2-0NapoliNapoli

Diamanti 17, Rubin 64

Città: Bologna

06/05/2012

NovaraNovara3-0CesenaCesena

Rigoni 28 (P), 68 (P), 85

Città: Novara

06/05/2012

AtalantaAtalanta0-2LazioLazio

Kozák 35, Cana 90

Città: Bergamo

06/05/2012

SienaSiena0-2ParmaParma

Giovinco 67, Floccari 90+2

Città: Siena

05/05/2012

RomaRoma2-2CataniaCatania

Totti 52, 77

Lodi 58 (P), Marchese 67

Città: Roma

05/05/2012

LecceLecce0-1FiorentinaFiorentina

Cerci 35

Città: Lecce

Classifiche

*Atalanta BC: 6 punti di penalizzazione
Ultimo aggiornamento: 08/05/2012 18:47 CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
Federazioni nazionali
Profili squadre

http://it.uefa.com/memberassociations/association=ita/news/newsid=1793654.html#derby+allinter+scudetto+alla+juve