UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Successo per la Fondazione Cruyff

La Fondazione John Cruyff, premiata dalla UEFA, ha preparato 16 tecnici per lavorare in tutta la Spagna, e continuare così nell'opera di aiuto ai bambini e ai giovani.

La Fondazione John Cruyff ha preparato 16 tecnici per lavorare in tutta la Spagna
La Fondazione John Cruyff ha preparato 16 tecnici per lavorare in tutta la Spagna ©Johan Cruyff Foundation

La Fondazione Johan Cruyff, che ha ricevuto a agosto il Premio Monaco Charity UEFA 2013 del valore di 1 milione di euro, rinnova il proprio impegno a favore del benessere mentale e fisico di giovani e bambini, e forma allenatori locali per aiutare i giovani a assaporare la gioia del calcio.

L'organizzazione, che porta il nome della leggenda di ieri del calcio olandese, crea luoghi sicuri in cui i bambini possono praticare lo sport e organizza iniziative per stimolare il gioco e l'istruzione, in particolare costruendo i Cruyff Courts, piccoli campi di gioco in sintetico, in tutto il mondo.

Lunedì, la nota fondazione è stata protagonista di una gradevole 'prima volta' in Spagna, assegnando i certificati ai primi allenatori della Fondazione Cruyff del paese. Sedici persone che lavorano presso i sette Cruyff Courts in Spagna hanno completato gli studi e conseguito il titolo di allenatore professionistico. In quanto allenatori, imparano a sostenere un gruppo di giovani curando l'organizzazione di un evento presso un Cruyff Court.

La Fondazione Cruyff si è guadagnata rispetto e riconoscimento per il proprio lavoro con i giovani, in particolare con i bambini disabili, e per progetti sociali inerenti. Fondata nel 1997, per volontà di Johan Cruyff, essa si propone di aiutare i bambini a crescere in modo sano attraverso lo sport e l'esercizio. La Fondazione Cruyff promuove gli sport e i giochi come strumento per contribuire alla salute e allo sviluppo personale dei bambini, e in particolare alla partecipazione dei disabili nella società.

Vi sono oltre 180 Cruyff Courts sparsi per l'Europa. Ogni settimana, migliaia di giovani prendono parte a attività organizzate su questi campi, quali il torneo di calcio 6 contro 6 Cruyff Courts e il Community Programme della Fondazione Cruyff. In tutto il mondo, oltre 20.000 bambini hanno partecipato agli appuntamenti 6 contro 6 dei Cruyff Courts e quasi 900 bambini al Community Programme.

"Il Cruyff Court è di gran lunga il palco più importante sul quale i giovani possono crescere – ha dichiarato Carole Thate, direttrice della Fondazione Johan Cruyff -. Per contribuire a questo sviluppo, la fondazione ha creato il Community Programme. Professionisti apprendono come  assistere i giovani in questo progetto specifico”.

"Un tecnico della Fondazione Cruyff lavora con l'obiettivo di legare i giovani al proprio vicinato e/o al Cruyff Court. A oggi sono stati svolti corsi in Olanda, Malesia, Antille olandesi (Bonaire, Sint Eustatius e Saba) e Aruba.

"Oggi, in Spagna, gli allenatori possono lavorare anche con il Community Programme. Per espandere ulteriormente il Community Programme in Europa, avvieremo un corso europeo a Amsterdam nel 2014. In questo modo, un numero maggiore di giovani potrà crescere mantenendosi attivo nel vicinato e sui Cruyff Courts per un lungo periodo di tempo”.

Dopo avere completato con successo il proprio corso e essere diventato un allenatore della Fondazione Cruyff, l'allenatore è responsabile di un gruppo composto da massimo 12 giovani di età compresa tra i 14 e i 21 anni. Per un periodo di circa due mesi, il tecnico assiste i giovani organizzando un evento presso un Cruyff Court. Durante il progetto, il tecnico sovrintende i passi che il gruppo compie e stimola i giovani nella loro crescita individuale.

Le quattordici regole di Johan Cruyff, 14 come il numero di maglia che Cruyff indossava con l'AFC Ajax e l'Olanda, vigono su tutti i Cruyff Courts sparsi nel mondo e sono al centro di qualsiasi evento. Tali regole vertono sul rispetto, il giocare insieme e l'integrazione, nonché su temi quali la responsabilità, lo sviluppo e la creatività. Dopo avere terminato un progetto con successo, i giovani ricevono un certificato e possono essere impiegati per attività future nel vicinato.

Il Premio UEFA Monaco Charity ha riconosciuto il lavoro della fondazione nel corso di molti anni e significa che l'ente può intraprendere altre iniziative che coinvolgono i Campi Cruyff. Un corollario positivo è il fatto che si dà ai giovani responsabilità, e la loro ambizione e la loro sicurezza crescono anche fuori dai campi.

Inoltre, vengono rafforzati i legami con il vicinato e sono coinvolti nelle attività. Possono anche diventare allenatori loro stessi, e ispirare le nuove generazioni. Da lunedì, la Spagna diventa l'ultimo paese a beneficiare di tali allenatori - è bello sapere che l'ultimo Charity Award UEFA è approdato in mani amorevoli.