UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Torneo per non vedenti con il sostegno UEFA

Otto squadre si sfidano a Loano per il titolo di campione d'Europa messo in palio dalla Federazione Internazionale Sport per Non Vedenti (IBSA), appoggiata dalla UEFA fin dal 2006.

Giocatori non vedenti e ipovedenti a UEFA EURO 2012
Giocatori non vedenti e ipovedenti a UEFA EURO 2012 ©Sportsfile

Otto squadre si sfidano a Loano (SV) per il titolo di campione d'Europa messo in palio dalla Federazione Internazionale Sport per Non Vedenti (IBSA) nella categoria B1. La UEFA sostiene la IBSA e i suoi programmi di sviluppo, che si prefiggono di aumentare le opportunità sportive per i non vedenti, fin da agosto 2006, quando le ha assegnato il premio solidarietà UEFA a Montecarlo.

La nona edizione dei Campionati Europei IBSA (B1) è stata organizzata dalla FISPIC (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi). Italia, Francia, Spagna, Germania, Russia, Inghilterra, Grecia e Turchia si ritrovano a Loano per il torneo, che si svolge fino al 22 giugno sui campi in sintetico del complesso sportivo Ellena.

La fase a gironi è in programma dal 15 al 17 giugno, mentre le semifinali inizieranno il 19 giugno. Le finali per il terzo posto e successivi si giocheranno il 21 e 22 giugno, mentre la finale per il primo posto si disputerà sabato 22 alle 18:00(CET).

La UEFA dà il suo sostegno ai giocatori ipovedenti e non vedenti nelle competizioni di più alto profilo. Per esempio, prima dei quarti di finale di UEFA EURO 2012 tra Germania e Grecia a Danzica si è tenuta una partita di calcio a cinque per non vedenti e ipovedenti nell'ambito del progetto Respect Inclusion.

Con regole speciali, i primi campionati europei IBSA si sono svolti nel 1997 a Barcellona. Da allora si tengono regolarmente campionati nazionali e mondiali organizzati dalla IBSA e tornei amichevoli internazionali, come la Coppa IBSA.

La IBSA prevede due categorie: B1 (nonvedenti) e B2/B3 (ipovedenti). Il calcio di categoria B1 è diventato uno degli sport più importanti nel programma delle Paralimpiadi dopo l'esordio nel 2004 ad Atene. Ne sono testimonianza le Paralimpiadi 2012 a Londra, dove il numero di squadre in gara è passato da sei a otto.