UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

UEFA, città e club si incontrano a Barcellona

Lunedì a Barcellona, le città e i club europei hanno siglato una dichiarazione per promuovere il fair play in occasione delle partite internazionali.

Jaime Lissavetzky (segretario di stato spagnolo per lo sport), Jordi Hereu (sindaco di Barcellona) e Şenes Erzi
Jaime Lissavetzky (segretario di stato spagnolo per lo sport), Jordi Hereu (sindaco di Barcellona) e Şenes Erzi ©UEFA.com

Lunedì a Barcellona, le città e i club europei hanno siglato una dichiarazione per promuovere il fair play in occasione delle partite internazionali. La cerimonia è stata presieduta dal sindaco di Barcellona, Jordi Hereu, presso la sala comunale di Barcellona alla presenza del primo vicepresidente UEFA, Şenes Erzik, dei sindaci di altre città europee e dei rappresentanti dei club iscritti all'Associazione Club Europei (ECA), che riunisce 144 squadre delle 53 federazioni affiliate alla UEFA.

Nella dichiarazione, proposta dalla UEFA e dalla città di Barcellona, le città e i club esprimono il desiderio comune di evitare la violenza e altre condotte antisociali negli incontri di calcio, migliorare la comunicazione e lo scambio di informazioni tra gli organizzatori e condividere le nozioni utili per ospitare i tanti tifosi in trasferta. Un seminario sull'ospitalità ai tifosi, intitolato “Calcio, città ospitanti e RESPECT” si occuperà proprio di questi aspetti.

Erzik ha dichiarato che le competizioni UEFA per club sono eventi di grande importanza sportiva e mediatica, che attraggono decine di migliaia di tifosi in circa 40 città per tre giorni infrasettimanali. “La logistica di questi eventi è complessa e comprende le infrastrutture, le modalità di trasporto, le forze di polizia internazionali, nazionali e locali, la fornitura di alimenti e l'alloggiamento", ha dichiarato.

“Tuttavia, è sempre l'ordine pubblico a dominare le discussioni. La situazione tende a essere affrontata da un punto di vista negativo. Come prevenire i disordini? Come  evitare danni? Come e perché vengono segregati i tifosi ospiti? Come identificare i personaggi problematici? Queste domande sono importanti perché le risposte  richiedono tempo e risorse. Tuttavia, l'approccio suggerito dal seminario è nettamente diverso e sottolinea il lato positivo dei grandi eventi.

“Le competizioni UEFA – ha proseguito Erzik – sono un motivo eccellente per viaggiare, scoprire quanto hanno da offrire gli altri paesi e ammirare le attrazioni turistiche delle città del nostro continente. Il calcio deve, pertanto, veicolare anche i valori giusti e promuovere il rispetto in tutte le sue forme: rispetto per la diversità e, per estensione, per gli altri. Non sono allo stadio, ma anche nelle vie e nelle piazze  delle città ospitanti”.

“Le stesse città devono anche capire che un grande evento sportivo non è un fardello amministrativo o una sfida all'ordine pubblico, ma è più un'opportunità eccezionale per promuovere le città da tutti i punti di vista: culturale, gastronomico e commerciale.

“Troppo spesso, forse, questi eventi vengono attesi dalle città ospitanti con apprensione, se non timore. Questo, ovviamente, impedisce loro di mostrarsi nella miglior luce – ha commentato Erzik –. Il seminario è un'opportunità unica per città, club e rappresentanti delle tifoserie per iniziare a definire insieme i criteri che devono  governare l'organizzazione di tali eventi”.

Il presidente dell'FC Barcelona, Joan Laporta, ha aggiunto: “La presenza di oltre 50 squadre, comprese quelle di  maggior successo in Europa, conferma che vi è il desiderio di discutere i problemi dei tifosi ospiti, sia con le città che con le organizzazioni di tifosi, e di imparare dall'esperienza altrui”.

Jaime Lissavetzky, segretario dello sport in Spagna, ha dichiarato che, nel calcio, la passione e il rispetto devono essere ambizioni comuni. “I club e le città  dimostrano  il loro impegno a perseguire il rispetto – ha dichiarato  –. Si tratta di un valore intrinseco nel calcio e comprende il rispetto tra i giocatori, tifosi e la città dove si disputa l'incontro".

Come testimonia Jordi Hereu, le città e le squadre si riuniscono all'insegna di uno spirito di impegno comune ad affrontare varie  problematiche. Il contributo della UEFA, ha spiegato, è stato molto prezioso affinché il meeting diventasse realtà. “È l'ora del fair play e di godere dello sport e del calcio in particolare", ha dichiarato Hereu.