L'Etnolega per il rispetto della diversità

Il Progetto della FARE 'Sviluppo Est-Europeo' sta preparando la strada per la celebrazione del rispetto e della diversità nel 2012, e l'Etnolega di Varsavia veicola il messaggio del multiculturalismo.

L'Etnolega per il rispetto della diversità
L'Etnolega per il rispetto della diversità ©Never Again Association

UEFA EURO 2012 in Polonia e Ucraina si prospetta come un divertente torneo multiculturale. Con questo obiettivo in testa, la UEFA ha finanziato il progetto della rete Fare (Football Against Racism in Europe) 'Sviluppo Est-Europeo' verso il 2012.

All'interno di questo progetto il partner della FARE, l'Associazione Never Again, ha messo in piedi un Centro Monitoraggio Est-Europeo con base a Varsavia, che documenta gli episodi di razzismo e xenofobia. Inoltre la Never Again ha organizzato una serie di eventi in Polonia e Ucraina per promuovere la diversità, il rispetto e la dimensione multiculturale del calcio.

"Il Progetto FARE Sviluppo Est-Europeo prepara la strada per la festa della diversità e del rispetto a UEFA EURO 2012. L'antirazzismo è il cuore dei nostri valori condivisi", ha detto il primo vicepresidente della UEFA Şenes Erzik. L'ultima iniziativa co-organizzata da FARE e dalla Fondazione per la Libertà, la Etnolega, è iniziata a Varsavia la scorsa settimana. Dodici squadre multiculturali hanno partecipato alla competizione calcistica, inclusi africani, vietnamiti, ceceni e persone di altre nazionalità che vivono nella capitale polacca, oltre che una squadra femminile, una squadra Never Again e una squadra composta da tifosi del Legia Warszawa.

Lo scopo della Etnolega è l'integrazione degli abitanti di Varsavia che hanno un background diverso. Il progetto coinvolge un campionato futsal e una serie di eventi che vede la partecipazione di immigrati e rifugiati, tifosi e giornalisti. Ogni squadra ospita uno dei turni settimanali. Preparano una breve presentazione su loro stessi, completata da musica e cibo. Le partite di calcio vengono accompagnate da meeting sull'integrazione, discussioni sull'antirazzismo e lezioni di educazione contro la discriminazione oltre alla mostra 'Cacciamo il razzismo dagli stadi' creata da Never Again.

"Vogliamo lottare contro il razzismo attraverso la promozione del multiculturalismo nello sport", hanno detto Krzysztof Jarymowicz e Jacek Purski, organizzatori della Etnolega. "Vogliamo una atmosfera amichevole, che dovrebbe anche accompagnare UEFA EURO 2012".

Piara Powar, direttore esecutivo della rete FARE, ha incontrato i partecipanti alla Etnolega e i suoi organizzatori a Varsavia questa settimana. "E' un'iniziativa fantastica che può fare da modello per molti altri paesi", ha detto.

Le attività settimanali della Etnolega continuano fino al 4 dicembre. I partecipanti hanno ricevuto kit da calcio e premi finanziati dalla UEFA. Il torneo è stato sostenuto ufficialmente dal sindaco di Varsavia e dal Plenipotenziario per le Pari Opportunità del governo polacco. Il progetto è co-finanziato dalla Fondazione Iniziative Civiche e dalla Fondazione Stefan Batory, mentre l'Ufficio Stranieri della Polonia è anch'esso partner.