Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Campioni in coro contro il razzismo

Mentre il calcio europeo si unisce per dire NO al razzismo, alla discriminazione e all'intolleranza, i giocatori della UEFA Champions League spiegano a UEFA.com cosa significano le FARE Action Week per loro.

FARE Action Weeks ©Getty Images

Mentre il calcio europeo si unisce per dire No al razzismo, alla discriminazione e all'intolleranza, i giocatori della UEFA Champions League spiegano a UEFA.com cosa significano le FARE Action Week per loro.

Paco Alcácer, attaccante Valencia
Sono felice che la UEFA stia agendo contro il razzismo. Iniziative come questa sono un bene e ovviamente vanno supportate.

Toby Alderweireld, difensore Atlético 
Siamo contenti di questa iniziativa della UEFA contro il razzismo. Sono andato a scuola ad Amsterdam, dove il 90% dei miei compagni non era olandese, quindi sono abituato a vivere con persone di altri paesi. Sono felice che ci sia un'iniziativa come questa e spero che sempre più persone capiscano che il razzismo è un'idiozia.

Arda Turan, centrocampista Atlético
[Le FARE Action Week] sono molto importanti perché hanno che fare con la vita di tutti i giorni. È bello che iniziative come queste arrivino dalla UEFA, anche perché le partite di Champions League le vedono tutti. Il calcio è importante, ma è importante anche sconfiggere il razzismo.

Valon Behrami, centrocampista Napoli 
Abbiamo tutti la stessa mentalità: il calcio deve essere d'esempio nella lotta al razzismo e questo è il messaggio che noi calciatori possiamo dare.

Alexandru Bourceanu, centrocampista Steaua 
E' una campagna positiva perché il razzismo è qualcosa di pessimo. Le persone sono tutte uguali, indipendentemente dal loro colore. E' difficile debellarlo completamente ma penso che sia una guerra che si sta vincendo. Più gli anni passano più la gente diventa tollerante. La gente è più civile nell'approccio verso i diversi paesi, e le abitudini stanno cambiando.

Terrence Boyd, attaccante Rapid
Il calcio può aiutare perché ogni giocatore rappresenta un modello per i bambini e loro devono capire che non c'è posto per il razzismo dentro e fuori dal campo. Bisogna trattare tutti con lo stesso rispetto che si richiede agli altri nei propri confronti, questo è il messaggio.

Thomas Buffel, centrocampista Genk
Fa male vedere come il razzismo sia ancora presente nel calcio e nella società. Fortunatamente, tutti stanno facendo qualcosa per questo problema. I giocatori della nostra squadra provengono da tutto il mondo e nel nostro spogliatoio regna l'armonia. Questo dovrebbe servire da esempio.

Fede Cartabia, centrocampista Valencia
E' il tipo di iniziativa che mi rende felice. Dobbiamo combattere il razzismo e supportar [questa iniziativa].

Óscar Cardozo, attaccante Benfica
Il messaggio UEFA contro il razzismo è un'ottima iniziativa e qualcosa che non si deve mai dimenticare, in campo e fuori. Per me il razzismo non ha posto nel calcio e nella vita.

Diego Costa, attaccante Atlético 
Dobbiamo rimanere uniti perché il progetto contro il razzismo è molto importante.

Thomas Delaney, giocatore FC København
Il messaggio contro il razzismo è stato molto positivo. Non ho personalmente avuto esperienza di questo fenomeno nè con giocatori nè con membri dello staff. E' stato molto utile averlo perchè aiuta la gente ad accorgersene.

Julian Draxler, centrocampista Schalke
È importantissimo. Noi abbiamo una responsabilità e dobbiamo prendere una posizione decisa. Queste iniziativa è una buona idea, quindi siamo felici di dare una mano.

Jiří Fleišman, difensore Liberec
Sono completamente a favore di questa iniziativa. Il Liberec ha giocatori di nazionalità divrese in squadra e andiamo tutti d'accordo. E' bello mostrarlo al mondo ed essere coinvolti in questa iniziativa.

Fraser Forster, portiere Celtic 
Nel calcio non ci sono confini, discriminazioni e pregiudizi.

Pavel Horváth, centrocampista Plzeň 
Abbiamo rispetto totale per questo progetto. E' una grande idea e non solo per la gente in Repubblica ceca ma in tutto il mondo. Siamo orgogliosi di farne parte e lo sosteniamo pienamente.

Benedikt Höwedes, difensore Schalke
Ovviamente siamo contenti di partecipare a questa iniziativa. Abbiamo visto il gagliardetto che è stato fatto passare tra i giocatori prima della partita. In squadra abbiamo Kevin-Prince Boateng, che ha avuto a che fare personalmente con il razzismo e vogliamo dimostrare tutti insieme che nel calcio non c'è posto per queste cose.

Přemysl Kovář, portiere Liberec
Tutti nello spogliatoio supportano questa iniziativa. Abbiamo visto i video prima della partita e siamo felici di poter dare il nostro contributo.

Toni Kroos, centrocampista Bayern
E' una cosa molto positiva. Poche cose riescono a polarizzare la gente come il calcio, ma se possiamo dare il buon esempio ne siamo molto felici.

Fernando Llorente, attaccante Juventus
Questo genere di inziative, e tutto ciò che riguarda la lotta contro il razzismo, sono ben accette.

Olof Mellberg, difensore København
Quel tipo di valori non appartengono al calcio. Siamo tutti d'accordo che non abbiamo nessun problema a dimostrarlo in occasioni come questa.

Dries Mertens, attaccante Napoli
Come tutti hanno visto c'è stato un grande rispetto tra i giocatori e nei confronti dell'arbitro. Credo che sia molto importante e queste campagne devono assolutamente andare avanti.

Kostas Mitroglou, attaccante Olympiacos
Ho vissuto in Germania nei primi anni della mia vita, in un paese straniero, quindi non giudicherò mai nessuno per la razza di appartenenza. Per me siamo tutti uguali e sono felice di sostenere questa iniziativa.

Riccardo Montolivo, difensore Milan 
Dobbiamo fare tutto quello che possiamo per eliminare il razzismo dal calcio. Ovviamente è difficile perché è un concetto radicato nella cultura di certa gente, quindi la strada è molto lunga. Bisogna partire dalle scuole e pensare a lungo termine. Dobbiamo iniziare presto, in modo che in futuro non ci siano più episodi di razzismo.

Diego Perotti, centrocampista Sevilla
[L'iniziativa] è qualcosa di positivo, che aiuterà a porre fine a una cosa così negativa. Non c'è posto per il razzismo né sul campo né in qualunque altra parte del mondo.

Sergio Ramos, difensore Real Madrid
[Iniziative come queste] sono sempre positive. La UEFA ha sempre fatto molto per enfatizzare il problema del razzismo. Le parole pronunciate sono oggi scritte in caratteri cubitali. C'è il pieno supporto della nostra squadra [in relazione a questo problema]. Per quanto mi riguarda è un piacere riuscire ad aiutare a portare più uguaglianza nel mondo sotto tutti i punti di vista. 

Franck Ribéry, centrocampista Bayern
Sono contro il razzismo. E' importante perché ci sono ancora problemi sugli spalti, e anche in campo.

André Schürrle, attaccante Chelsea
Ovviamente è un tema importante e appoggiamo pienamente l'iniziativa contro il razzismo. Siamo tutti uniti.

Ryan Shotton, difensore Wigan
E' molto positivo. Il calcio sottolinea [i messaggi antirazzisti] ogni finesettimana attraverso numerose iniziative. Naturalmente il problema non è ancora risolto e gli stupidi che continuano a creare problemi esistono sempre, ma ci stiamo impegnando insieme alla UEFA per risolvere la questione ed è fantastico.

Fernando Torres, attaccante Chelsea
Spero che un giorno non sia necessario organizzare le Action Week, perché vorrà dire che il razzismo è stato eliminato. È un peccato che oggi sia ancora un problema. Noi calciatori dobbiamo dimostrare ancora una volta che il razzismo non deve avere posto nel calcio né altrove.

Gregory van der Wiel, difensore PSG
Possiamo fare molto perché tanta gente guarda il comportamento dei calciatori. Ci sono tante nazionalità nella nostra squadra, si parlano tante lingue nel nostro spogliatoio, quindi siamo un buon esempio di come possano lavorare bene insieme persone con background diversi.

Javí Varas, portiere Siviglia
I calciatori hanno influenza sui ragazzi e possono educare il pubblico. Dobbiamo essere i primi a dare l'esempio, perché siamo persone come le altre. Razza, religione e colore della pelle non contano. Appoggerò incondizionatamente questa iniziativa, perché piaghe come questa vanno sradicate.

 

Carlos Vela, attaccante Real Sociedad
E' importante perché nel nostro sport siamo tutti uguali e non vogliamo che accadano certe cose. Dobbiamo goderci il calcio tutti insieme, bianchi, neri, Cinesi, Messicani, siamo tutti uguali e abbiamo tutti le stesse opportunità. Dobbiamo vivere in armonia e nel rispetto reciproco.

 

Matías Vitkieviez, centrocampista San gallo
[L'iniziativa] è positiva, perché i razzisti non devono avere spazio é nel calcio, né nella vita. Mi auguro che tutto questo sia utile. Anche se è difficile, dobbiamo continuare a combattere.

 

Jelle Vossen, attaccante Genk
Nella nostra squadra ci sono giocatori di dieci nazionalità diverse, mi pare, e l'atmosfera nello spogliatoio è fantastica. Tutti amano il calcio e gli atteggiamenti razzisti non vanno tollerati, dobbiamo lottare insieme per scacciare il razzismo dal mondo del calcio.

In alto