Taylor, anno memorabile

L'inglese Anthony Taylor, che dirigerà la finale dei Campionati Europei UEFA Under 19, ha voluto ringraziare la madre per averlo indirizzato alla carriera arbitrale.

L'inglese Anthony Taylor dirigerà la finale dei Campionati Europei UEFA Under 19
L'inglese Anthony Taylor dirigerà la finale dei Campionati Europei UEFA Under 19 ©Sportsfile

Anthony Taylor è stato scelto per dirigere la finale dei Campionati Europei UEFA Under 19 tra Spagna e Russia, in programma domenica a Katerini, Grecia. Il 36enne arbitro inglese, ormai abitualmente impegnato in Premier League e scelto anche per dirigere la sfida di FA Community Shield del 2 agosto tra Chelsea FC e Arsenal FC, ha ammesso a UEFA.com di essere egli stesso sorpreso della velocità con cui la sua carriera sta prendendo piede.  

UEFA.com: come sei diventato un arbitro?

Anthony Taylor: seguivo sempre la squadra della mia città, l'Altrincham, sia in casa che in trasferta. Mia madre era stufa di sentire le mie continue critiche agli arbitri, così mi suggerì di tacere o di provarci io. Ho seguito il suo consiglio.

UEFA.com: come hai cominciato?

Taylor: sono partito dai campionati locali della zona di Altrincham e poi sono passato alla Cheshire League, alla Northern Premier League, alla Conference [quinta divisione inglese] e quindi alla Football League. Ho cominciato nel 1995. Sono rimasto in Football League per quattro anni e nel 2010 ho diretto la mia prima gara in Premier League.

UEFA.com: cosa significa arbitrare nelle serie minori?

Taylor: ti prepara per il futuro. In Inghilterra i contatti fisici sono numerosi, perciò sono esperienze impegnative per un arbitro. E' un modo per creare delle basi solide in vista dell'approdo nelle categorie superiori. 

UEFA.com: sei entrato nelle liste FIFA nel 2010…

Taylor: Sì, ho diretto alcune sfide nei preliminari di [UEFA] Europa League e [UEFA] Champions League per cominciare e l'anno scorso ho arbitrato una gara dell'Inter nella fase a gironi di Europa League [contro il St-Étienne]. Sono stato promosso a dicembre.

UEFA.com: cosa significa arbitrare in un torneo come questo?

Taylor: le partite Under 21 e Under 19 possono rappresentare una grande sfida a livello di concentrazione, perché i giocatori sono piuttosto disciplinati, ma allo stesso tempo hanno grandi doti tecniche. Sono gare in cui bisogna esssere assolutamente concentrati per essere certi di prendere sempre la decisione giusta. 

UEFA.com: come vi siete preparati al torneo?

Taylor: abbiamo cominciato a lavorare tutti insieme tre settimane prima dell'inizio, arbitri ed assistenti provenienti da paesi diversi. E ora è come se fossimo la nona ssquadra in lizza. 

UEFA.com: coma valuti il torneo nel suo complesso?

Taylor: partecipare a un torneo del genere è una grande esperienza. Anche gli arbitri hanno delle sfide da affrontare e per esempio le condizioni climatiche sono più difficili qui per un Inglese! Gli arbitri arrivano da tanti paesi diversi, ma tutti si aspettano che renano in maniera uniforme. Analizziamo attentamente il nostro operato con l'obiettivo di evitare in futuro il ripetersi di eventuali errori. 

UEFA.com: sei felice di dirigere la finale?

Taylor: naturalmente sono onorato di essere statos celto per la finale, è fantastico. Sarà la mia terza finale UEFA degli ultimi 12 mesi. Sono stato assistente addizionale alla Supercoppa UEFA dello scorso anno e alla finale di Europa League e ora naturalmente ci sarà questa partita. Sono orgoglioso del fatto che la UEFA e gli osservatori abbiano fiducia in me.

UEFA.com: quiali sono i tuoi obiettivi per il futuro?

Taylor: continuare a crescere e seguire le orme dei grandi arbitri. Howard [Webb] è stato una fonte di ispirazione per me, così come lo sono Mark Clattenburg e Martin Atkinson. Il mio obiettivo è seguire le loro orme e rappresentare al meglio la scuola arbitrale inglese in seno alla UEFA.

In alto