UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

UEFA•Medicine Matters parla di crescita

L'ultimo numero di UEFA•Medicine Matters, la pubblicazione medica ufficiale della UEFA, celebra i progressi nel settore e l'impegno continuo dimostrato da tutti gli specialisti europei.

L'ultimo Simposio medico UEFA si è svolto a Madrid
L'ultimo Simposio medico UEFA si è svolto a Madrid ©Sportsfile

Dopo il recente Simposio medico UEFA a Madrid, il cui tema principale è stato l'evoluzione, l'ultimo numero di UEFA•Medicine Matters, la pubblicazione medica ufficiale della UEFA, celebra i progressi nel settore e l'impegno continuo dimostrato da tutti gli specialisti europei.

"La comunità medica ha il desiderio di imparare, crescere, condividere e soprattutto innovare, facendo sì che il calcio apra la strada in aree come la ricerca sugli infortuni, la formazione e la sicurezza dei giocatori", commenta nell'editoriale il dr. Michel D’Hooghe, presidente del Comitato medico UEFA.

"Per me è un grande piacere assistere al lavoro di quella che adesso è una vera comunità medica - aggiunge D’Hooghe -. I programmi di formazione della UEFA, le competizioni e i forum, come il simposio, permettono di radunare gli specialisti da tutti gli angoli del continente in un clima di amicizia, rispetto e cordialità (….). È un risultato incredibile, di cui tutti i medici del calcio europeo devono essere fieri".

In particolare, D’Hooghe apprezza il desiderio di condividere idee e prassi ottimali. In questo ambito, la UEFA adotta l'innovativo Programma di formazione per medici del calcio, che favorisce lo scambio di informazioni mediche in tutta Europa a totale vantaggio del calcio.

"Ho avuto il privilegio di partecipare a quattro simposi UEFA, dove ho visto professionisti che hanno votato la carriera al calcio sedere a fianco di medici e fisioterapisti più giovani - commenta -. Tutti loro condividono informazioni, esperienze e nuove idee per ridurre gli infortuni, migliorare le prestazioni entro i limiti di legge e garantire i più alti standard di cura in caso di infortunio".

Il numero 22 di UEFA•Medicine Matters contiene articoli sullo stress da alte temperature nel calcio, la rigenerazione e il recupero dalla fatica e il fattore età nel calcio professionistico spagnolo. Un altro importante articolo parla dello Studio sugli infortuni nei club d'elite per la stagione 2012/13, un'importante fonte di informazioni sugli infortuni specifici nel calcio che offre dati utili ai club per proseguire la loro opera di trattamento e prevenzione degli infortuni.

"I club ci forniscono i dati sugli infortuni che causano l'assenza dagli allenamenti e dalle partite, oltre ai dati sull'esposizione dei giocatori", spiega Jan Ekstrand, vice presidente del Comitato medico UEFA e direttore del gruppo di ricerca che supervisiona lo studio.

"Il nostro database è il più grande del suo genere al mondo e ci consente di restituire alle squadre molte informazioni, come i dati sui tempi di guarigione da un infortunio, le tendenze riscontrate e i club più bravi a tenere i giocatori in campo".

Secondo Michel D’Hooghe, le scienze dello sport cresceranno ancora di più con nuovi trattamenti e diagnosi. "Il medico avrà il compito di seguire questi progressi mantenendo sempre un atteggiamento etico e, per tutelare il calcio, dovrà sempre mettere al primo posto l'integrità fisica e psicologica del giocatore".