Lezioni su doping e combine

Al Campionato Europeo Under 19 UEFA femminile, la UEFA ha tenuto una serie di presentazioni sul doping e sulle combine alle otto squadre partecipanti.

Lezioni su doping e combine
Lezioni su doping e combine ©UEFA.com

Il Campionato Europeo Under 19 UEFA è una delle prime tappe nella carriera internazionale delle giovani calciatrici. Per questo, la UEFA ha tenuto una serie di presentazioni sul doping e sulle combine alle otto squadre che partecipano al torneo in Norvegia.

Antidoping: mai troppo prudenti
Caroline Thom, responsabile progetti medici e antidoping della UEFA, ha parlato della pericolosità delle sostanze proibite, assunte intenzionalmente o accidentalmente. "Il mio obiettivo non è spaventarvi - ha dichiarato -. Voglio solo che evitiate di cadere in stupide trappole. Vogliamo avvisarvi, tutelarvi e rendervi consapevoli. Siamo qui per aiutarvi".

Alle giocatrici è stata presentata la procedura di controllo antidoping con un video girato durante il quarto di finale di UEFA EURO 2012 tra Inghilterra e Italia. Non consegnare il campione o comportarsi irresponsabile ai controlli antidoping è una violazione a tutti gli effetti. Quindi, Thom ha ribadito la necessità di controllare sempre gli elenchi delle sostanze proibite, che possono variare da paese a paese e vengono costantemente aggiornati. "Non si è mai troppo prudenti", ha commentato.

Il difensore Marta Turmo ha confermato che la lezione è stata molto utile: "È stata interessante perché ha avvisato l'intera comunità calcistica che non bisogna mai farsi trovare positivi a un controllo antidoping, che gli incontri devono restare puliti e che il calcio deve essere uguale per tutti".

Successivamente si è svolto un quiz sull'antidoping nella sede di Lillestrom. Gran parte delle giocatrici ha accettato di rispondere a 10 domande in tre minuti: chi totalizzava almeno nove punti partecipava al sorteggio di un iPad mini.

Domanda tipo: un giocatore professionista viene controllato... *(risposta esatta a fondo pagina)  
a) mediamente quattro volte all'anno
b) solo una volta
c) un numero illimitato di volte

Combine: espulsione a vita
"La UEFA adotta una politica di tolleranza zero verso le combine; gli eventuali colpevoli vengono espulsi a vita". È questo il messaggio di Barry Bright (membro della Commissione di appello UEFA), che ha spiegato i pericoli di un problema ormai globale. Ogni anno si spendono circa 400 miliardi di euro in scommesse. Con il sostegno delle agenzie di gioco, il sistema di rilevamento della UEFA monitora 32.000 partite all'anno per rilevare modelli di puntata irregolari.

Le giocatrici della Svezia compilano il quiz
Le giocatrici della Svezia compilano il quiz©Sportsfile

Bright identifica tre fasi principali che coinvolgono giocatori, allenatori, club e arbitri:
1) I criminali cercano la vostra amicizia e le vostre vulnerabilità
2) Fanno in modo che dobbiate loro un favore. Per indurvi a sbagliare, vi corrompono o vi minacciano
3) Vi costringono a sbagliare per favorire il risultato desiderato

"Le persone coinvolte possono trovarsi ben presto intrappolate in una rete criminale da cui è difficile sfuggire… La vostra carriera può finire da un giorno all'altro". I giocatori dovrebbero sempre rispettare la "regola delle tre R": riconoscere quanto sta accadendo, rifiutarsi e riferire alla piattaforma di integrità della UEFA. In caso contrario, le conseguenze legali, finanziarie e personali possono essere molto pesanti.

* c) un numero illimitato di volte