Corso per medici calcistici in Croazia

La Croazia ha offerto un contributo importante al Programma di Formazione per Medici di Calcio UEFA, una piattaforma che promuove lo sviluppo della medicina calcistica, attraverso l'organizzazione di un corso a Zagabria.

Corso per medici calcistici in Croazia
Corso per medici calcistici in Croazia ©HNS

La Croazia è l'ultima federazione nazionale in ordine di tempo ad avere aderito all'innovativo Programma di Formazione per Medici di Calcio UEFA (FDEP). Esso offre ai membri della UEFA la possibilità di scambiarsi idee, informazioni e conoscenze tecniche nel settore sempre più importante della medicina calcistica.

Il FDEP è stato avviato all'inizio del 2012. Attraverso di esso sono state trasferite importanti conoscenze tecniche alle federazioni affiliate UEFA per mezzo di una serie di corsi a cascata. Il centro sportivo Sava presso Sesvete, vicino a Zagabria, ha ospitato il corso svoltosi in Croazia, che ha visto la partecipazione di medici tanto della federazione croata (HNS) quanto dei club nazionali. Il presidente della HNS Davor Šuker ha dato il benvenuto ai partecipanti, tra cui spiccava il membro della Commissione Medica UEFA Dr José Henrique Jones.

Nel calcio moderno, lo sviluppo della medicina calcistica è considerato essenziale per il benessere dei calciatori. Staff medici, ambulanze, sale mediche e apparecchiature salva-vita, nonché ulteriori strutture in questo ambito, permettono ai calciatori di ricevere un'assistenza medica specializzata e ultra moderna.

Il FDEP offre formazione e istruzione nell'adempimento del ruolo essenziale del medico calcistico moderno. Esso offre benefici in materia di: trattamento d'urgenza dei calciatori, ruoli e responsabilità del medico calcistico, diagnosi e trattamento degli infortuni, prevenzione e riabilitazione degli infortuni e antidoping. Il contenuto è stato definito in collaborazione con la Commissione Medica UEFA, presieduta dal Dr. Michel D'Hooghe e da esperti di medicina dello sport.

La UEFA è in prima linea nel sostenere il lavoro medico nel calcio e la Commissione Medica è sempre pronta a recepire innovazioni e sviluppi. Inoltre, il vigore con cui l'organo di governo del calcio europeo sostiene la medicina calcistica è accolto con favore dalle federazioni calcistiche europee.  

Il VI Simposio Medico UEFA svoltosi di recente a Madrid ha messo in risalto il lavoro del FDEP, nonché l'eccellente opera intrapresa in altri ambiti medici da parte della UEFA e delle sue federazioni affiliate sparse per l'Europa.

Un programma variegato e interessante è stato svolto in Croazia, con sedute pratiche e gruppi di discussione che hanno offerto ampie possibilità di confronto e dibattiti. Gli argomenti della prima giornata hanno riguardato la gestione delle operazioni dello staff medico, la gestione delle relazioni tra squadre nazionali e club, e il rapporto tra lo staff medico della squadra nazionale e quello dei club.

Il corso ha affrontato una gamma di temi specifici: intervento in caso di arresto cardiaco di un calciatore; infortuni alla spina dorsale; infortuni traumatici e scenari; infortuni al torace; infortuni addominali e al bacino. Inoltre, i delegati sono stati suddivisi in quattro gruppi per i seminari e le discussioni in materia di emergenze mediche, trattamento per asma, anafilassi, diabete, epilessia e analgia.

L'appuntamento in Croazia ha confermato il valore della formazione e dello scambio di informazioni promosso dal programma UEFA, non soltanto a beneficio del settore medico calcistico ma dell'intero calcio europeo.

"Il corso a catena FDEP in Croazia è stato un perfetto esempio di ampliamento della conoscenza medica rapportata al calcio nel nostro paese – ha dichiarato il medico della nazionale maggiore della Croazia, Dr. Zoran Bahtijarević -. Il corso si è concentrato nello specifico sulla tecnica di primo soccorso e sugli scenari di trauma, avvalendosi della partecipazione dell'esperto UEFA e membro della Commissione Medica José Henrique Jones e del sostegno della UEFA. Non vi è dubbio che abbiamo aumentato le conoscenze dei nostri medici d'élite e rafforzato la medicina calcistica croata”.

"Tutti si sono adoperati presso la federazione croata per l'organizzazione di un corso di elevato livello, che migliorerà senz'altro le conoscenze di medicina calcistica tra i medici di calcio d'élite in nel paese – ha dichiarato il Dr. Jones -. E' stato un piacere prendere parte a questo appuntamento così ben organizzato e constatare il sostegno della federazione calcistica croata alle attività della UEFA e in particolare al Programma di Formazione dei Medici del Calcio”.