UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Prosegue l’esperimento sui cinque arbitri

L’International Football Association Board (IFAB) ha offerto alle confederazioni continentali e alle federazioni nazionali la possibilità di estendere l’esperimento per altri due anni.

Prosegue l’esperimento sui cinque arbitri
Prosegue l’esperimento sui cinque arbitri ©UEFA.com

Le confederazioni continentali e le federazioni nazionali potranno, se lo vorranno, estendere per altri due anni l’esperimento dei cinque arbitri: lo ha deciso martedì l’International Football Association Board (IFAB).

L’IFAB, composto dalla FIFA e dalle federazioni nazionali di Inghilterra, Irlanda del Nord, Scozia e Galles, si è espresso in tal senso al termine di una riunione straordinaria svoltasi a Zurigo, sulla scorta di una relazione riguardante l’esperimento dei cinque ufficiali di gara nel corso della UEFA Europa League di questa stagione.

La FIFA scriverà adesso alle federazioni affiliate e alle sei confederazioni continentali per chiedere di essere informata sulla volontà di effettuare l’esperimento nelle loro competizioni. In caso affermativo, l’esperimento dovrà continuare per l’intera durata del torneo. Una sotto-commissione IFAB si riunirà in seduta straordinaria a luglio per approvare eventuali richieste.

"Si tratta a mio avviso di un importante passo avanti e di una svolta positiva per l’arbitraggio – ha dichiarato il presidente della UEFA Michel Platini -. La Commissione Esecutiva UEFA deciderà adesso quale o quali tornei europei proporre per lo svolgimento dei test nei prossimi due anni”.

Il sistema prevede che l’arbitro, i due assistenti e il quarto ufficiale siano coadiuvati da due ufficiali di gara supplementari che si posizionano sulla linea di fondo di ciascuna porta, con il compito specifico di concentrarsi su quanto avviene in area di rigore.

"L’esperimento sugli assistenti supplementari nel corso della UEFA EUROPA LEAGUE 2009/10,  144 partite durante la fase a gironi e 61 partite a eliminazione diretta, è stato suffragato da una presentazione - ha dichiarato la FIFA -. D’accordo con l’IFAB, si è concordato di concedere alle sei confederazioni FIFA e alle 208 federazioni ad essa affiliate di estendere la sperimentazione dell’utilizzo degli arbitri supplementari per un periodo di ulteriori due anni”.

Le prime prove con i due assistenti supplementari sono state condotte nell’autunno 2008 durante la fase di qualificazione del Campionato Europeo Under 19 UEFA, dopo la quale l’IFAB ha concesso di continuare l’esperimento a livello professionistico. Si è passati così a testare l’esperimento nella UEFA Europa League che si è appena conclusa, con il consenso sia dell’organo di governo del calcio mondiale che dell’IFAB.

L’IFAB ha approvato inoltre un emendamento sul ruolo del quarto ufficiale di gara, ampliandone i compiti e prevedendo che “assista il direttore di gara nel gestire la partita conformemente alle Regole del Gioco del Calcio, pur mantenendo l’arbitro l’autorità di decidere su tutte le questioni di gioco”.

Inoltre, l’IFAB ha dato il via libera a una modifica della  formulazione della Regola 14, riguardante il calcio di rigore. "È permesso effettuare finte volte a confondere l’avversario durante la fase di rincorsa prima della battuta del calcio di rigore, tuttavia fintare di calciare il pallone una volta completata la rincorsa è considerato una violazione della Regola 14, nonché un atto di condotta antisportiva per il quale è prevista l’ammonizione del calciatore”.

L’IFAB convocherà giocatori, allenatori e ufficiali di gara al termine del prossimo Mondiale FIFA per discutere della Regola 12 (falli e scorrettezze), nella parte riguardante i falli da espulsione e la cosiddetta “tripla sanzione”: calcio di rigore, cartellino rosso e squalifica che consegue quando un giocatore nega una chiara occasione da gol alla squadra avversaria.

Le decisioni inerenti alle Regole del Gioco del Calcio prese dall’IFAB entreranno in vigore l’1 giugno.