UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Michel Platini elogia le forze dell'ordine

Il Presidente UEFA ha speso parole d'elogio per le forze dell'ordine italiane e la loro solerzia nel far rispettare le disposizioni di sicurezza in occasione della finale di UEFA Champions League allo Stadio Olimpico di Roma.

Michel Platini elogia le forze dell'ordine
Michel Platini elogia le forze dell'ordine ©Getty Images

Il Presidente UEFA Michel Platini ha speso parole d'elogio per le forze dell'ordine italiane e la loro solerzia nel far rispettare le disposizioni di sicurezza in occasione della finale di UEFA Champions League tra FC Barcelona e Manchester United FC allo Stadio Olimpico di Roma.

'Soddisfazione e gratitudine'
In una lettera indirizzata al Capo della Polizia di Roma, il Signor Platini ha espresso "la soddisfazione e la gratitudine dell'Uefa per avere garantito, grazie alla meticolosa preparazione e al cospicuo dispiegamento di forze dell'ordine, la sicurezza della finale della UEFA Champions League".

Grande afflusso
Il signor Platini ha poi spiegato che l'afflusso contemporaneo di decine di migliaia di sostenitori delle due squadre poteva comportare gravi problematiche di gestione della sicurezza, come rilevato e discusso nella lunga fase di preparazione e coordinamento tra la polizia italiana, gli esperti dell'UEFA e le polizie di Spagna e del Regno Unito.

Gioiosa festa sportiva
"L'evento e i giorni che lo hanno preceduto sono trascorsi con grande serenità e in un clima di gioiosa festa sportiva, così come da noi auspicato e per questo siamo certamente debitori al lavoro di tutti coloro che hanno pianificato la gestione della sicurezza", ha proseguito il Presidente UEFA.

Scenario splendido
"Sono lieto che si possa parlare di un evento calcistico di tale importanza solo per il grande successo sportivo e di festa popolare in una magnifica cornice cittadina senza dover annotare significativi problemi di ordine pubblico", ha poi concluso il Signor Platini.