UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Luce verde per le candidature del 2016

Il procedimento per le candidature di UEFA EURO 2016™ - che per la prima voltà vedrà 24 squadre protagoniste - prende ufficialmente il via dopo che il Comitato Esecutivo UEFA ha approvato il regolamento.

Luce verde per le candidature del 2016
Luce verde per le candidature del 2016 ©UEFA.com

Il procedimento per le candidature come nazione ospitante del prossimo Campionato Europeo UEFA del 2016 prende ora ufficialmente il via dopo che il Comitato Esecutivo UEFA, che si è riunito a Nyon giovedì, ha approvato il regolamento per le candidature del prossimo torneo – il primo EURO a cui prendereanno parte 24 squadre.

Tre fasi
La procedura di richiesta si divide in tre fasi. La prima si apre il prossimo lunedì, e qualsiasi delle 53 federazioni associate alla UEFA interessata può segnalare la propria candidatura alla UEFA entro il 9 marzo del prossimo anno. La UEFA potrà poi decidere di creare una breve lista di tre o quattro candidate. Il dossier sulle candidature verrà aperto nella fase successiva, e la UEFA distribuirà i modelli per i requisiti e per i dossier, che devono essere completati e riconsegnati alla UEFA entro il 15 febbraio 2010.

Fase di valutazione
La terza fase sarà quella di valutazione, e l'organo di governo del calcio europeo visiterà le diverse nazioni candidate a partire dal marzo 2010. L'amministrazione e gli esperti UEFA scelti dalla UEFA stessa esamineranno i dossier e prepareranno una relazione scritta su ciascuna candidatura, prima di passare le relazioni stesse al Comitato UEFA per le Competizioni delle Nazionali, mentre una decisione finale verrà presa dal Comitato Esecutivo UEFA alla fine del maggio 2010.

Invito a presentare subito la candidatura
Sono permesse candidature di due nazioni congiunte, e in particolari circostanze anche di tre. "L'invito a presentare le candidature parte ora -  ha detto il Segretario Generale della UEFA David Taylor -. Siamo al punto in cui distribuiamo le carte che invitano le federazioni associate a presentare formalmente la loro candidatura e diamo loro delle indicazioni su quello che dovrebbero fare. I requisiti necessari per la candidatura non verranno spiegati in dettaglio finché [i candidati interessati] non si saranno proposti. Questo è come l'aprire la porta sul processo e i tempi necessari".

Nove stadi
In merito al numero di impianti necessari per le fasi finali del 2016, che vedranno impegnate 24 squadre, il Signor Taylor ha dichiarato: "La UEFA ritiene che nove stadi rappresenterebbero la soluzione ottimale". Giorgio Marchetti, responsabile UEFA per le competizioni, ha aggiunto: "Riteniamo che nove impianti rappresentino il giusto compromesso tra le esigenze organizzative, quelle dello spettacolo e quelle del paese che organizzerà la manifestazione". I candidati ad ospitare la manifestazione potranno inoltre proporre tre stadi come alternative.

Cambiamenti per la Women's Cup
A partire dalla stagione 2009/10, la UEFA Women's Cup subirà un cambiamento sia alivello di denominazione, che di formato della competizione. Il torneo verrà ribattezzato UEFA Champions League Femminile e la finale verrà disputata in gara unica il giovedì antecedente l'atto conclusivo della UEFA Champions League, nella stessa città, ma in uno stadio diverso. La UEFA Champions League Femminile prevede una serie di mini tornei ai quali farà seguito una fase ad eliminazione diretta che avrà come protagniste 16 squadre.

Esperimenti arbitrali
Il Comitato esecutivo ha anche preso atto dei riscontri positivi ottenuti dal recente esperimento di utilizzare cinque ufficiali di gara nel corso dei tornei di qualificazione ai Campionati Europei UEFA Under 19 svoltisi recentemente in Ungheria, Slovenia e Cipro. Su questo argomento, la FIFA presenterà un rapporto dettagliato alla FA Board - l'organismo che degtta il regolamento del gioco del calcio - in occasione della riunione in programma la prossima primavera in Irlanda del Nord.

Risarcimento
Il Comitato esecutivo UEFA ha inoltre comunicato che il risarcimento per la perdita del segnale video ne corso della semifinale di UEFA EURO 2008™ tra Germania e Turchia è stato accettato da tutti i partner televisivi e ha stabilito che sarà la Danimarca ad organizzare le fasi finali dei Campionati Europei UEFA Under 21 del 2011, mentre la final four dell'edizione 2008/09 della Coppa UEFA Futsal sarà organizzata dai russi dell'Ekaterinburg. Il Congresso UEFA del 2010 si svolgerà invece in Israele.