Medici squadre firmano carta antidoping EURO

I medici delle squadre delle 24 nazionali che parteciperanno a UEFA EURO 2016 hanno firmato un documento per aiutare la UEFA ad organizzare un torneo finale libero da sostanze proibite.

I medici delle squadre EURO a Parigi durante la cerimonia della firma del documento
I medici delle squadre EURO a Parigi durante la cerimonia della firma del documento ©Getty Images

I medici delle squadre delle 24 nazionali che parteciperanno a UEFA EURO 2016 in Francia quest'estate hanno firmato una carta che assicura il loro totale sostegno alla strategia antidoping della UEFA, confermando il loro impegno per un torneo libero da sostanze dopanti.

Il documento è stato firmato durante la cerimonia di Parigi dove si è svolto il workshop delle finaliste di UEFA EURO 2016 per confermare i dettagli organizzativi in vista dell'evento, che inizierà il prossimo 10 giugno.

"In qualità di medico della squadra di una delle nazionali partecipanti, [io] adotterò tutte le misure necessarie all'interno della mia federazione per aiutare la UEFA a realizzare la sua missione affinchè UEFA EURO 2016 sia libero da sostanze proibite", è scritto nel documento.

"Firmando [la carta], confermo che il doping non sarà tollerato dal team management o dal personale medico e che tutti i giocatori che rappresentano la mia federazione a UEFA EURO 2016 saranno istruiti di conseguenza. Concordo nel rispettare i Regolamenti Antidoping UEFA e dichiaro il mio sostegno incondizionato al programma antidoping UEFA EURO 2016".

Prima e durante UEFA EURO 2016, la UEFA sta adottando il più grande programma di controlli mai attuato. I giocatori di tutte le 24 squadre vengono sottoposti a controlli all'interno e al di fuori della competizione fino all'inizio del torneo, e vengono raccolti campioni di sangue e urine. I controlli continuano a marzo, prima e durante la settimana delle partite delle nazionali, in stretta collaborazione con le Agenzie antidoping nazionali dei paesi partecipanti (NADOs).

I controlli antidoping verranno effettuati in tutte le 51 gare in Francia, con un minimo di due giocatori per squadra selezionati in ogni partita per i prelievi di sangue e urine. I controlli potranno anche essere effettuati tra una gara e l'altra. I campioni raccolti verranno analizzati da un laboratorio accreditato dall'Agenzia Mondiale Anti-Doping (WADA) e i giocatori verranno inseriti nel programma passaporto biologico UEFA.

"Questo significa che tutti sono uniti nel desiderio assoluto di avere un EURO senza doping", ha detto il presidente della Commissione Medica UEFA, il dottor Michel D'Hooghe. "Non solo la Commissione Medica UEFA e il panel anti-doping UEFA. Tutti abbiamo la stessa intenzione - ogni medico di squadra che ha firmato la carta ha approvato la strategia UEFA di tolleranza zero nei confronti del doping".

In alto