Buone notizie sul fronte antidoping

Nella stagione 2010/11 di UEFA Champions League e UEFA Europa League non sono stati riscontrati casi di positività al doping. Le statistiche finali verranno pubblicate a settembre su UEFA.com.

La UEFA si impegna a sconfiggere il doping
La UEFA si impegna a sconfiggere il doping ©UEFA.com

Nella stagione 2010/11 sono stati condotti 1300 controlli antidoping nelle competizioni europee per club come la UEFA Champions League e la UEFA Europa League. Anche se alcuni risultati devono ancora pervenire dai laboratori di analisi, finora non sono stati riscontrati casi positivi. Ogni anno, la UEFA spende oltre 1,5 milioni di euro per i controlli antidoping nelle proprie competizioni e nel 2010/11 ha svolto analisi in 46 federazioni affiliate su 53.

UEFA Champions League
In UEFA Champions League, la UEFA ha eseguito controlli in gara e fuori gara. Nella stagione 2010/11, in totale sono stati prelevati 740 campioni, l'80% dei quali è stato analizzato per rilevare la presenza di EPO (sostanza impiegata per aumentare la resistenza e la forza fisica). Nel corso della stagione, alcuni giocatori sono stati controllati fino a cinque volte.

Test in gara
Il programma di controllo antidoping della UEFA si basa su una valutazione completa dei rischi e su un dettagliato piano di distribuzione dei test: più è importante la fase della competizione, più vengono condotte analisi. Pertanto, i controlli antidoping sono stati eseguiti in tutte le gare degli spareggi di UEFA Champions League e ogni squadra partecipanti alla fase gironi è stata analizzata almeno una volta. Dalla fase a eliminazione diretta in avanti, i controlli sono stati eseguiti in ogni partita. Le otto partecipanti ai quarti di finale sono state controllate in almeno il 60% degli incontri, mentre le due finaliste, FC Barcelona e Manchester United FC, si sono sottoposte ai controlli antidoping in quasi il 70% delle partite. 19 giocatori delle due finaliste sono stati analizzati almeno tre volte durante la stagione.

Test fuori gara
Circa il 60% dei controlli antidoping in UEFA Champions League è stato condotto fuori gara, ovvero presso il campo di allenamento delle rispettive squadre. Per ogni campione prelevato è stata eseguita l'analisi dell'EPO. Le due finaliste sono state controllate quattro volte fuori gara in tutta la stagione.

UEFA Europa League
Nella stagione 2010/11 di UEFA Europa League sono stati prelevati 560 campioni. Come in UEFA Champions League, i controlli antidoping in UEFA Europa League vengono preparati seguendo un'attenta valutazione dei rischi. Sono state controllate tutte le squadre partecipanti agli spareggi e, in seguito, ci sono stati controlli in più del 50% delle partite. Tutte 48 le squadre della fase a gironi sono state controllate almeno una volta e, dagli ottavi di finale in avanti, le analisi sono state condotte in ogni partita. Le otto partecipanti ai quarti di finale sono state controllate in almeno il 58% degli incontri, mentre le due finaliste, FC Porto e SC Braga, si sono sottoposte ai controlli in quasi il 70% delle partite.

Statistiche finali
Inoltre, durante la stagione 2010/11, più di 450 giocatori sono stati controllati dalla UEFA in altre competizioni. I controlli antidoping proseguiranno ai tornei giovanili di quest'estate. Le cifre finali sul numero totale di controlli svolti e sul numero di casi positivi verranno pubblicate a settembre su UEFA.com.

In alto