I vivai il futuro del calcio

uefa.com interpella i suoi lettori sul ruolo cruciale del settore giovanile nel calcio moderno.

La UEFA intende presentare precise proposte alle 52 federazioni associate al prossimo congresso UEFA che si terrà a Tallinn, in Estonia, ad aprile.

Consultazione online
Le proposte del parlamento del calcio europeo seguiranno un processo di consultazione con le più importanti parti in causa del calcio europeo. Un processo in corso da quando la UEFA ha reso pubbliche le sue idee in materia questa estate. Per la prima volta, al processo di consultazione, parteciperanno anche i lettori di uefa.com che dovranno, a dicembre, dire la loro in un sondaggio online sul nostro sito Internet. I lettori che vogliono partecipare al sondaggio “Investing in local players”, possono cliccare qui.

Giocatori dei vivai
A inizio febbraio la UEFA ha fatto delle proposte concrete. La lista "A" che le squadre devono presentare per le competizioni UEFA sarà come sempre limitata a 25 giocatori. A partire dalla stagione 2006/07, almeno due giocatori dovranno provenire dalle giovanili del club. Altri due posti dovranno essere riservati per atleti provenienti dalle giovanili di un club appartenente alla stessa federazione del suddetto club. La lista "B" continuerà ad esistere con un numero illimitato di giocatori Under 21 che sono al club da almeno due stagioni.

Obiettivo per il 2008/09
Nelle due stagioni successive dovrà essere riservato un posto in più ogni anno nella lista dei 25 per un giocatore proveniente dal vivaio del club ed un altro proveniente da quello di un'altra squadra della stessa federazione. Entro la stagione 2008/09 ogni club avrà nella rosa dei 25 quattro giocatori provenienti dal vivaio e quattro provenienti da quello di una squadra della stessa federazione. La UEFA raccomanda alle federazioni affiliate di introdurre tali misure anche a livello nazionale.

Definizioni
Un giocatore del vivaio è un atleta che è stato tesserato dalla società per almeno tre stagioni tra l'età di 15 e 21 anni. Un giocatore proveniente dalle giovanili di un club della stessa federazione è un atleta che è stato tesserato dalla società o da un club della stessa federazione per almeno tre stagioni tra l'età di 15 e 21 anni.

Migliore equilibrio
La UEFA si preoccupa del fatto che alcune squadre non si preoccupano di crescere i giovani, andando semplicemente ad attingere altrove. Le misure proposte puntano a creare un migliore equilibrio nelle competizioni nazionali, cercando di impedire ai club di “fare razzia” di giocatori e di creare un sistema che permetta ai giocatori dei vivai di poter giocare con maggiore regolarità nelle squadre in cui sono cresciuti, assicurando così anche un serbatoio di talenti per le nazionali.

Problemi
La UEFA ha lanciato le sue proposte dopo aver individuato una serie di problemi a livello europeo. Crisi dei settori giovanili, problemi per le squadre nazionali, mancanza di identità locale per molte squadre di club, mancanza di equilibrio a livello di competizioni e squadre con rose troppo ampie. Le proposte non si basano su una questione di nazionalità. La UEFA non vuole infatti in alcun modo violare la legislazione UE in materia di libera circolazione dei lavoratori.

La scelta dei giovani
L’opinione di Olsson in materia è stata riportata anche nell’ultimo numero di Champions, la rivista ufficiale della UEFA Champions League. "I giovani possono scegliere – scrive Olsson -. E il calcio non è una scelta obbligata. Se non vi sono incentivi e se non vedono le possibilità di uno sbocco in prima squadra, il rischio è che scelgano di praticare un altro sport. Sappiamo che i tifosi vogliono che la loro squadra vinca. Ma riteniamo che si identificherebbero maggiormente in un club con dei giocatori approdati in prima squadra dai vivai”.

In alto