Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

L'entusiasmo delle ambasciatrici

Laura Georges, Lotta Schelin, Camille Abilly e Verónica Boquete hanno spiegato quanto grande sia la loro passione e dedizione per il calcio femminile.

UEFA.org takes a look at the five ambassadors for women’s football development, aiming to inspire players across Europe in their new roles.

Quattro illustri ambasciatrici per lo sviluppo del calcio femminile, oltre a Steffi Jones, sono state presentate lunedì a Parigi presso il quartier generale della Federcalcio francese (FFF), esprimendo entusiasmo e passione per questo genere di iniziativa.

Laura Georges (Paris Saint-Germain e Francia)
Sono molto onorata di essere l'ambasciatrice del programma di sviluppo del calcio femminile della UEFA. Ho vissuto un'esperienza simile in Lettonia, dove ho incontrato tante giovani durante un torneo estivo: è stato fantastico. Visto che ci sono anche Lotta, Camille, Verónica e Steffi, la prima vera ambasciatrice, sono contenta di essere a fianco di grandi campionesse. Se potessi far crescere il calcio femminile con tutta la mia passione, il desiderio e l'esperienza, sarebbe semplicemente bellissimo.

Camille Abilly (Olympique Lyonnais e Francia)
E' un motivo di orgoglio per me e sono molto grata di questo. E' qualcosa di fantastico poter rappresentare il calcio femminile, specialmente insieme a delle fantastiche giocatrici. Essere scelte al fianco di Steffi Jones, finora unica ambasciatrice, Lotta Schelin, Laura Georges e Veronica Boquete mi fa sentire molto orgogliosa e soddisfatta. Ma vedo tutto questo come l'inizio di qualcosa di grande. Ho molta voglia di dare il massimo in questo mio nuovo ruolo e di fare il massimo per il calcio femminile in Europa.

La giornata di Laura Georges
La giornata di Laura Georges

Lotta Schelin (Olympique Lyonnais e Svezia)
È molto bello, in effetti, perché è un ottimo progetto e sono molto orgogliosa di farne parte. Ci sono tanti vantaggi… Secondo me meritiamo un'iniziativa del genere nel calcio femminile, per tutte le ragazze d'Europa che lo seguono ma che magari non hanno non hanno mai avuto la possibilità di giocare. Quello che possiamo fare è convincere loro che c'è la possibilità di giocare a calcio e di diventare anche professioniste. E' davvero bello poterci riuscireo.

Veronica Boquete (1. FFC Frankfurt e Spagna)
E' un grandissimo onore far parte della squadra di ambasciatrici. Non vedo l'ora di iniziare a lavorare perchè provengo da un paese la cui mentalità è un pò differente, e so quanto sia difficile per le ragazze giocare a calcio. Quando avevo cinque o sei anni non potevo giocare perchè c'era la regola che 'le femmine non possono giocare con i maschi'. Questo aspetto sta cambiando, ed è una nostra responsabilità come giocatrici. 

Steffi Jones (ex-Germania)
Ho vissuto diverse esperienze come ambasciatrice. Per esempio, sono andata a Minsk ed è stato bello vedere le strutture, il campionato e quello che il calcio trasmette loro, oltre alla promozione degli scambi con la federazione. Penso che questro sia ciò che rende così importante essere ambasciatore.

Karen Espelund, presidente Comitato calcio femminile UEFA 
Il programma per lo sviluppo del calcio femminile è stato lanciato nel 2012, e un aspetto fondamentale, è quello di far crescere il calcio a livello di base. Servono modelli di comportamento, anche per le ragazzine che vorrebbero iniziare a giocare a calcio. Ecco perché ci siamo rivolti a cinque giocatrici molto famose in Europa. Siamo contenti di averle a bordo e saranno loro le ambasciatrici del programma di sviluppo del calcio europeo. Mi auguro che possano motivare ancora più ragazze a giocare e ci aiutino a lavorare con le federazioni nazionali.

Per ulteriori informazioni sul lavoro svolto per la crescita del calcio femminile UEFA, visita uefa.to/16mODtG.

In alto