Successo per Schema Gruppi di Studio

Lo Schema Gruppi di Studio UEFA, secondo cui le federazioni nazionali si scambiano know-how per il benessere generale del calcio europeo, ha appena terminato una quarta stagione di successo.

Il seminario a Cipro
Il seminario a Cipro ©Cyprus Football Association

Il legame della UEFA con le sue 53 federazioni nazionali affiliate è più forte che mai – grazie anche allo Schema Gruppi di Studio UEFA (SGS), l'innovativo programma di scambio che ha appena terminato una quarta stagione di grande successo.

Lo schema è nato da un'iniziativa del Presidente UEFA Michel Platini e vede le federazioni nazionali unire le forze nello scambiarsi esperienze tecniche per il benessere generale del calcio europeo. Come regola, tre federazioni viaggiano da una quarta che ospita seminari su calcio giovanile, calcio di base, istruzione dei tecnici e calcio femminile.

L'obiettivo dello Schema Gruppi di Studio è quello di migliorare gli standard in tutta Europa con specialisti delle federazioni che collezionano consigli dai loro colleghi di altre federazioni o a livello di club grazie anche all'aiuto dei fondi UEFA.

Un totale di 54 seminari si sono tenuti nel 2011/12 – 11 sull'istruzione dei tecnici, 16 sul calcio giovanile elite, 16 sul calcio di base e 11 su quello femminile. Trenta diverse federazioni hanno ospitato i seminari, Israele, Cipro, Moldova e Slovenia lo hanno fatto per la prima volta.

Nella prossima stagione si continuerà con l'ottimo lavoro svolto finora. Cinquantadue seminari verranno organizzati durante la quinta stagione – 13 su istruzione allenatori, 15 su calcio giovanile elite, 12 su calcio di base e 12 su calcio femminile. A ospitare i seminari saranno 32 federazioni, prima volta per Serbia, Macedonia, Isole Faroe, Bulgaria e Ungheria.

Il lavoro svolto dalle federazioni ospitanti è stato eccellente e ha enfatizzato il desiderio comune di lavorare insieme e migliorare il livello qualitativo per il vantaggio generale. Aleš Zavrl, segretario generale della Federcalcio slovena (NZS), parla così dello Schema Gruppi di Studio: "Il calcio in Slovenia è relativamente piccolo e noi siamo una federazione giovane della famiglia del calcio europeo, ma vogliamo far crescere il calcio su vari livelli impegnandoci molto seguendo lo slogan UEFA 'We Care About Football'. Siamo orgogliosi di poter contribuire cercando anche di formare un ambiente migliore e più amichevole. Sono sicuro che lo Schema Gruppi di Studio UEFA porti tante nuove idee oltre alla possibilità di condividere know-how ed esperienze".

Lo schema piace molto anche ad altre federazioni. "La Federcalcio della Moldova è grata alla UEFA per avere avuto l'opportunità di essere una delle nazioni ospitanti nel 2011/12 - ha detto il segretario generale Nicolai Cebotari -. E' stata un'altra grande opportunità per condividere esperienze con i nostri ospiti - specialisti da Bulgaria, Italia e Georgia - oltre per offrire a tutti i partecipanti la famosa ospitalità moldava".

"Alla Federcalcio cipriota ci sentiamo orgogliosi di aver ospitato un seminario per la prima volta, è stato un evento unico e di grande successo, un workshop molto costruttivo sul calcio di base - ha aggiunto Phivos Vakis, segretario generale della Federcalcio cipriota -. Ringraziamo la UEFA per il suo entusiasmo e il grande aiuto, e per averci dato la possibilità di organizzare un evento del genere".

"Abbiamo avuto l'onore di ospitare uno Schema Gruppo di Studio - ha detto Ori Shilo, segretario generale della Federcalcio israeliana -, e siamo davvero felici dei feedback positivi ricevuti dai partecipanti e dalla UEFA. Israele continuerà sempre ad enfatizzare l'importanza del calcio di base e saremo sempre felici di condividere le nostre esperienze in futuro".

In alto