UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Corso di formazione per preparatori dei portieri in Croazia

In considerazione dell'evoluzione del ruolo dei portieri, la UEFA sta investendo in programmi di formazione per preparatori dei portieri, come in occasione dell'ultimo corso di successo in Croazia.

I preparatori dei portieri si sono riuniti a Zagabria per sessioni specifiche di formazione
I preparatori dei portieri si sono riuniti a Zagabria per sessioni specifiche di formazione ©UEFA

Una parte fondamentale nel gioco del calcio è il ruolo dei portieri. In considerazione dei cambiamenti e dell'evoluzione che ha subito tale ruolo negli anni, la UEFA ha scelto di investire tempo, risorse ed energie nella formazione dei preparatori dei portieri. L'ultimo corso regionale 'prepara il preparatore' riservato alle federazioni nazionali si è svolto a Zagabria.

Esperti del settore provenienti da Bosnia-Erzegovina, ERJ Macedonia, Montenegro, Serbia e Slovenia, si sono uniti ai padroni di casa nel dibattito e hanno creato l'ambiente ideale per migliorare i formatori, il tutto nel pieno rispetto dell'approccio concreto su cui si è basato l'apprendimento.

Cosa garantisce il corso?

La UEFA collabora con molti esperti del settore, tra cui l'ex portiere della nazionale, Packie Bonner (Repubblica d'Irlanda), Savvas Constantinou (Cipro) e Mart Poom (Estonia), oltre a Marc Van Geersom (Belgio) e Jan Erik Stinessen (Norvegia). Questi esperti del settore hanno trasmesso insegnamenti teorici e pratici alle federazioni che hanno partecipato in Croazia alla formazione sulla licenza A come preparatore dei portieri.

"Abbiamo lanciato questo corso un anno fa e abbiamo imparato molto, tuttavia possiamo ancora migliorare", ha spiegato Aleksander Sarić, formatore licenza A come preparatore dei portieri nella federcalcio serba (FSS). "La UEFA ci ha fatto prendere consapevolezza delle lacune nei nostri metodi, e quindi occorre continuare a lavorare insieme per migliorare i nostri standard nel mondo del calcio".