La Samp imbriglia anche la Roma

I Giallorossi non vanno oltre il pareggio a Marassi e non riescono a portarsi da soli in vetta alla classifica: l'anticipo serale finisce 0-0. Nelle altre due sfide, Cagliari e Sassuolo vincono in trasferta contro Empoli e Parma.

Serie A: 25 ottobre ©AFP/Getty Images

L’AS Roma non riesce a passare sul campo dell’UC Sampdoria e fallisce la possibilità di conquistare, seppur provvisoriamente, la vetta solitaria della classifica. A Marassi l’anticipo serale dell’ottava giornata finisce 0-0, risultato che conferma l’imbattibilità stagionale dei Blucerchiati e consente alla squadra di Rudi Garcia di affiancare al primo posto la Juventus – in campo domenica contro l’US Città di Palermo – a 19 punti. Nelle altre due sfide giornaliere, un grande Cagliari Calcio sbanca 4-0 il campo dell’Empoli FC, mentre l’US Sassuolo Calcio passa 3-1 al Tardini contro un Parma FC sempre più malinconicamente ultimo in classifica.

A Marassi la Roma prova a mettersi le spalle la fragorosa sconfitta contro il FC Bayern München in UEFA Champions League, ma la Sampdoria di Siniša Mihajlović risponde colpo su colpo ai Giallorossi. Alla mezz'ora Davide Astori lancia per Gervinho, il cui primo tiro è fermato da Daniele Gastaldello, mentre il secondo si infrange sul palo. Anche nella ripresa l’ivoriano si rende pericoloso, ma Sergio Romero riesce a respingere seppur in affanno.

Nella ripresa Garcia inserisce Miralem Pjanić, Juan Iturbe e Mattia Destro, ma anche la squadra di si rende pericolosa sui calci piazzati, con l’ex Stefano Okaka Chuka e Gastaldello. Nel finale la Roma ha una grande occasione con Alessandro Florenzi, ma Romero si oppone con una grande parata. Finisce 0-0.

Al Castellani l’inizio è su ritmi non propriamente elevati, ma gli ospiti di Zdeněk Zeman si accendono all’improvviso. Marco Sau sblocca il risultato con un gran destro dal limite, poi una magnifica punizione di Danilo Avelar vale il raddoppio. Il Cagliari non è sazio e conquista anche un calcio di rigore per l’intervento di Mirko Valdifiori su Víctor Ibarbo: dal dischetto, è ancora il brasiliano Avelar a trasformare festeggiando così la doppietta personale.

Prima dell’intervallo va a segno anche lo svedese Albin Ekdal, con una conclusione in diagonale dopo un controllo perfetto. Nella ripresa Maurizio Sarri, tecnico dell’Empoli, mette dentro Davide Moro e Manuel Pucciarelli e la sua squadra assume un atteggiamento più offensivo. Non basta, perché anche se Tavano e Pucciarelli sfiorano il gol, i sardi di Zeman gestiscono abbastanza agevolmente il cospicuo vantaggio. Finisce 4-0.

Il Parma rimedia la quinta sconfitta consecutiva, la settima in otto partite di campionato. Al Tardini l’avvio dei Ducali è incoraggiante, ma dopo 20 minuti arriva il vantaggio del Sassuolo: l’algerino Saphir Taïder serve Sergio Floccari, che approfitta dell’immobilismo dei difensori avversari e insacca l’1-0 per il più classico dei gol dell’ex. Tre minuti e arriva il raddoppio, stavolta realizzato dal difensore Francesco Acerbi, sugli sviluppi di una punizione battuta da Domenico Berardi.

Prima dell’intervallo lo scatenato Taïder colpisce anche il palo su punizione, ma nella ripresa il giocatore in prestito dall’FC Internazionale Milano trova - dopo un incoraggiante avvio del Parma - il tris con un bellissimo gol. La rete di Cassano a dieci minuti dalla fine, complice un errore in uscita di Andrea Consigli, serve solo a rendere meno pesante il passivo per il Parma.