UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Juve da record, Udinese in Champions

I campioni d’Italia battono 3-1 l’Atalanta e festeggiano il tricolore senza sconfitte: segna anche Del Piero, al passo d'addio. Inzaghi trascina il Milan alla vittoria, i friulani espugnano Catania e restano terzi davanti alla Lazio.

I giocatori della Juventus festeggiano il tricolore
I giocatori della Juventus festeggiano il tricolore ©AFP/Getty Images

La Juventus festeggia da imbattuta il titolo di campione d’Italia 2011-12. Nell’ultima giornata di serie A, i Bianconeri battono 3-1 l’Atalanta BC e chiudono dunque senza sconfitte il torneo: a Torino lo stadio è tutto per Alessandro Del Piero, che va a segno nel giorno del suo addio alla “Signora”, mentre San Siro è il regno di Filippo Inzaghi, che nell’ultima partita con la maglia dell’AC Milan regala al Diavolo il successo in rimonta sul Novara Calcio. L’Udinese Calcio passa 2-0 sul campo del Calcio Catania e si assicura il terzo posto che vale il turno preliminare di UEFA Champions League, rendendo vani i successi della S.S. Lazio contro l’FC Internazionale Milano e dell’SSC Napoli contro l’AC Siena: Biancazzurri, Partenopei e Nerazzurri parteciperanno alla prossima edizione della UEFA Europa League.

Riconquistato il tricolore dopo un digiuno di otto anni, la Juventus mette la ciliegina sulla torta chiudendo imbattuta il suo fantastico campionato. Nella festa scudetto dello Juventus Stadium sblocca il risultato il giovane centrocampista Luca Marrone (10’), prima del fantastico raddoppio di Del Piero (28’), titolare e capitano: Pinturicchio, nel giorno della sua ultima partita in Bianconero, va dunque a segno e chiude l’avventura con la Signora con 188 reti in serie A, 289 complessive. Nella ripresa l’Atalanta di Stefano Colantuono accorcia le distanze con l’autorete di Stephan Lichtsteiner (83’), ma è un rigore di Andrea Barzagli (90’) a fissare il risultato sul definitivo 3-1.

Del Piero saluta i suoi tifosi che lo acclamano con un lunghissimo giro di campo, mentre c’è da registrare l’infortunio a Giorgio Chiellini, uscito nel finale in lacrime: da valutare le sue condizioni in chiave UEFA EURO 2012.

A San Siro il Milan va sotto contro il Novara, a segno al 20’ con il difensore argentino Santiago García. La squadra di Massimiliano Allegri riesce però a salutare il pubblico del Meazza con una vittoria in rimonta, in virtù delle reti di Mathieu Flamini (56’) e dell’intramontabile Inzaghi (82’), entrati a gara iniziata. Superpippo chiude acclamato a gran voce dal pubblico per la sua ultima partita con i Rossoneri, che salutano anche Alessandro Nesta, Clarence Seedorf, Gennaro Ivan Gattuso, Gianluca Zambrotta e Mark van Bommel.

Al Massimino l’Udinese conquista la quarta vittoria consecutiva e la qualificazione alla UEFA Champions League, assicurandosi il terzo posto. Sblocca il risultato Antonio Di Natale, che festeggia la convocazione in nazionale con il 23esimo gol in campionato. La squadra di Vincenzo Montella potrebbe pareggiare con Alejandro Gómez, che però spedisce a lato un calcio di rigore; così, nella ripresa, è Diego Fabbrini a mettere al sicuro il risultato.

La Lazio batte 3-1 in rimonta l’Inter e conclude il campionato al terzo posto. L’Inter di Andrea Stramaccioni passa in vantaggio all’Olimpico con un rigore trasformato allo scadere del primo tempo da Diego Milito: per “El Principe” è il gol numero 24 in campionato. Nella ripresa esce la squadra di Edoardo Reja, che conquista i tre punti con i gol di Libor Kozák (59’), Antonio Candreva (63’) e Stefano Mauri (90’).

Il quinto posto è del Napoli, che al San Paolo batte 2-1 l’AC Siena. L’uomo decisivo per la squadra di Walter Mazzarri è Andrea Dossena, che firma una doppietta che vanifica il momentaneo pareggio di Mattia Destro, anche lui chiamato in azzurro da Cesare Prandelli.

Chiude al settimo posto l’AS Roma, che nell’ultima partita con Luis Enrique in panchina passa 3-2 sul campo dell’AC Cesena e ritrova la vittoria dopo tre pareggi consecutivi. Al Manuzzi i romagnoli, da tempo retrocessi, passano in vantaggio con Simone Del Nero, ma i Giallorossi rimontano grazie alle reti realizzate da Bojan Krkić, Erik Lamela e Daniele De Rossi. Nel recupero è l’argentino Mario Alberto Santana a rendere il passivo meno pesante per i padroni di casa.

Ancora una vittoria, la settima consecutiva, per il Parma FC, che si aggiudica il derby emiliano contro il Bologna FC: a regalare il successo alla squadra di Roberto Donadoni è Jonathan Biabany. Termina infine a reti inviolate la sfida tra ACF Fiorentina e Cagliari Calcio.

Festeggia la salvezza il Genoa CFC, che supera 2-0 l’US Città di Palermo: per la squadra di Luigi De Canio vanno a segno Alberto Gilardino e Giuseppe Sculli. La terza squadra a retrocedere è l’US Lecce, battuto 1-0 sul campo dell’AC Chievo Verona: i Giallorossi di Serse Cosmi si arrendono a un guizzo di Kamil Vacek.