Coppa di Israele al retrocesso Ramat Gan

L’Hapoel Ramat Gan FC festeggia il secondo trionfo della sua storia in Coppa di Israele battendo i favoriti Hapoel Kiryat Shmona FC ai rigori dopo che i 120 minuti allo Stadio Comunale Netanya si erano chiusi sull'1-1.

La festa dopo i rigori
La festa dopo i rigori ©IFA

L’Hapoel Ramat Gan FC festeggia il secondo trionfo della sua storia in Coppa di Israele battendo i favoriti Hapoel Kiryat Shmona FC ai rigori dopo che i 120 minuti allo Stadio Comunale Netanya si erano chiusi sull’1-1.

Con la finale in programma in uno degli stadi che ospiterà i prossimi Europei UEFA Under 21, è proprio il nazionale israeliano Under 21 Israel Zaguri a realizzare il rigore decisivo. Un successo sorprendente per una squadra ultima in campionato e già retrocessa da due settimane.

E una vittoria che arriva dieci anni dopo il primo trionfo dei Reds quando erano addirittura in seconda divisione. Di Salah Hasarma e Dan Einbinder gli errori dal dischetto per l’Hapoel Kiryat Shmona.

Il tecnico del Ramat Gan, Eli Cohen, guidava la squadra anche dieci anni fa ed è tornato in panchina questa stagione nel vano tentativo di evitare la retrocessione. Il Kiryat Shmona – quarto in campionato e vincitore sul Maccabi Haifa FC in semifinale – passa in vantaggio al 17’ con un sinistro di Shimon Abuhatzira.

Il Ramat Gan pareggia al 52’ quando Omer Buchsenbaum, reduce del successo nel 2003, insacca un pallone deviato verso di lui dal portiere del Kiryat Shmona, Dani Amos. Il Ramat tiene anche quando rimane in dieci per l’espulsione di Ophir Hemo.

Dopo i rigori il portiere Arkin ha commentato: "I rigori erano il mio momento e me lo sono goduto a pieno. Non ne ho parati, ma mi piace pensare che ho costretto a sbagliare i miei avversari”.