Van Gaal soddisfatto del pareggio

Louis van Gaal sente di essersi giocato "alla pari" la partita con la capolista Chelsea nel pareggio di domenica per 1-1, risultato che ha riportato ottimismo a Old Trafford.

Robin van Persie segna allo scadere la rete del pari per il Manchester United
Robin van Persie segna allo scadere la rete del pari per il Manchester United ©Getty Images

Quando Robin van Persie ha depositato il pallone nella porta del Chelsea FC difesa da Thibaut Courtois al 94' minuto, in molti all'Old Trafford hanno avuto la sensazione che il Manchester United FC stesse tornando in sé stesso.

Le reti nei minuti finali erano il marchio di fabbrica di Sir Alex Ferguson. Le squadre del tecnico scozzesse, infatti, avevano la capacità di trasformare le sconfitte in pareggi e i pareggi in vittorie negli ultimissimi minuti. Questo era il copione del Manchester fino al 2013, anno delle dimissioni dell'ex storico allenatore del Manchester United. Nella prima stagione senza il suo storico condottiero, il Manchester si è piazzato al settimo posto della Premier. Risultato difficilmente digeribile per un club che non si è qualificato solo una volta in UEFA Champions League nella stagione 1995/96.

L'obiettivo dei Red Devils in questa stagione è di ripristinare le gerarchie e tornare a giocare in Europa. Il pareggio per 1-1 con il Chelsea ha fatto capire che il traguardo è alla loro portata. I ragazzi di Louis van Gaal hanno giocato bene ma hanno concesso troppi punti agli avversari. Il pari con la capolista ha incoraggiato l'olandese che adesso esce rinforzato dal risultato di domenica.

Il tecnico pensa che la sua squadra avrebbe anche potuto infliggere la prima sconfitta della stagione ai Blues. "Penso che anche José Mourinho lo sappia. Non è stata la nostra miglior prestazione - ha spiegato il tecnico -. È un peccato perchè proprio adesso dobbiamo dare il meglio contro le squadre più attrezzate, ma nonostante ciò, abbiamo creato tante occasioni, molte più del Chelsea".

Sulla panchina dei Reds da questa estate, l'ex tecnico di FC Barcelona e FC Bayern München deve essere stato felice di vedere Van Persie segnare il suo terzo gol della stagione. Il connazionale ha avuto un ruolo chiave nella vittoria della Premier League nel 2012/13. Da allora ha provato a ripetere le stesse prestazioni, venendo rallentato dai tanti infortuni.

Lo stesso attaccante ritiene che lo United possa contendere al Chelsea la vittoria del titolo nonostante dieci punti di distanza e l'ottavo posto dopo nove partite. "Certo che possiamo, non siamo nemmeno a metà campionato - ha spiegato l'olandese -. Possiamo riprenderli".

Quanto a Mourinho, anche lui considera lo United una squadra da non sottovalutare. Il tecnico dei Blues si è detto soddisfatto del risultato che ha consentito di mantenere il vantaggio di quattro punti sulla seconda e sei sui campioni in carica del Manchester City FC. Senza Diego Costa e Loïc Rémy, è toccato a Drogba segnare il primo gol della stagione dal suo ritorno al Chelsea.

"Sin dal primo minuto della partita, abbiamo dimostrato che volevamo vincere - ha spiegato Mourinho -. Nel secondo tempo non gli abbiamo concesso molto. Giocare all'Old Trafford come abbiamo fatto, è stato fantastico per i miei ragazzi".