Verlinden incorona Van der Sar

"Un record sta per cadere" ha predetto a uefa.com Dany Verlinden, ex portiere del Bruges, riferendosi a Edwin Van Sar, che sabato potrebbe superare i 1.390 minuti di imbattibilità in campionato del belga.

Verlinden incorona Van der Sar
Verlinden incorona Van der Sar ©Getty Images

Dany Verlinden, ex portiere del Club Brugge KV, guarderà con più attenzione del solito alle gare di Premier League di questo finesettimana. Quando Edwin van der Sar scenderà in campo all'Old Trafford contro il Blackburn Rovers FC, sarà distante solo 89 minuti dal record di imbattibilità di 1.390 stabilito dall'ex estremo difensore belga, già pronto a congratularsi con il portiere del Manchester United FC in caso di succcesso nella sua impresa. 

'Congratulazioni'
"Un record sta per cadere", ha predetto a uefa.com 'The Wall' -. Van der Sar è stato straordinario. Non è facile mantenere l'imbattibilità per 14 o 15 partite giocando in uno dei migliori club del mondo. Non sono affatto geloso del mio record, non avrei nemmeno saputo di averlo stabilito se non me lo avesse comunicato un'associazione di statistici tedeschi. Se Van der sar lo migliorerà, gli farò le mie congratulazioni".

Pioggia di record
In questi giorni l'estremo difensore olandese aveva già ottenuto un altro record: in occasione del 3-0 di mercoledì contro il Fulham FC aveva inanellato la 14esima gara consecutiva di campionato senza reti al passivo, miglior risultato in assoluto nella storia della Premier League e del calcio britannico. L'ultimo gol subito da Van der Sar in campionato risale all'8 novembre scorso, quando l'Arsenal FC si impose 2-1 sui Red Devils con gol partita di Samir Nasri. 

Leggenda
Verlinden, ora preparatore dei portieri del Bruges, ha conquistato cinque titoli nazionali con il club belga in 16 anni, dal 1988 al 2004. Per un periodo è anche stato il giocatore più anziano ad aver disputato una gara di UEFA Champions League, superato poi da Alessandro Costacurta. Il suo fiore all'occhiello, resta comunque la striscia di 16 gare consecutive senza reti al passivo inanellata tra il 3 marzo e il 26 settembre 1990. E anche se il calcio è cambiato da quando Verlinden danzava tra i pali, l'ex portiere ha assicurato che per un portiere le priorità sono le stesse anche oggi.

Questione di priorità
"Quando sei un portiere, non badi molto ai record. Si scende in campo per vincere e se il successo arriva senza aver subito gol, meglio ancora, ma non è certo la voglia si stabilire un primato ciò che spinge a fare bene. Quando ho subito la prima rete dopo tante partite non ho provato nulla di speciale, non sapevo nemmeno di aver stabilito un record!".

Orgoglio
Riguardo a Van der Sar, Verlinden ha poi speso parole d'elogio. "E' un ottimo portiere, altrimenti non giocherebbe nel Manchester United e non sarebbe stato così a lungo un nazionale olandese. E' un professionista serio, che non ama i riflettori, e questo lo aiuta a rendere al massimo tra i pali. Se sarà lui a battere il mio record, ne sarò orgoglioso; piazzarsi al secondo posto alle sue spalle non è affatto male". Sempre che Van der Sar non cada proprio sul traguardo... in fondo mancano ancora 90 minuti.