UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La UEFA accoglie la Risoluzione del Parlamento europeo sulla politica sportiva dell'UE

Gli eurodeputati respingono fermamente i progetti come la cosiddetta “super league”

Oggi, il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione completa sulla politica sportiva dell'UE e ha invocato un'azione per proteggere lo sport dalla minaccia di competizioni separatiste come la Super League. Proposta dall'eurodeputato Tomasz Frankowski, ex giocatore della nazionale polacca, la risoluzione è stata approvata dalla stragrande maggioranza dei membri del Parlamento europeo provenienti dai 27 stati membri dell'Unione.

La UEFA accoglie con favore la risoluzione, un importante passo avanti nello sviluppo del modello europeo di sport basato su valori, solidarietà e merito. Il "Rapporto Frankowski" include raccomandazioni specifiche e attuabili in importanti aree come good governance, solidarietà, parità di genere, diversità e diritti fondamentali, integrità, calcio di base, sostenibilità, salute e benessere.

In qualità di istituzione politica fondamentale, il Parlamento dell'Unione europea è irremovibile sulle grandi minacce che lo sport del nostro continente deve affrontare. I deputati condannano fermamente le competizioni separatiste come la cosiddetta Super League perché minano i valori e i principi dello sport europeo, pensando solo agli interessi delle élite e al profitto senza alcun riguardo per i processi decisionali inclusivi. Il Parlamento europeo si oppone anche alla recente proposta di Coppa del Mondo a cadenza biennale, chiedendo alle organizzazioni sportive di rispettare l'attuale frequenza dei principali eventi sportivi internazionali. Invita inoltre allo sviluppo di quadri normativi per modernizzare i sistemi di trasferimento dei giocatori e soddisfare le esigenze, gli standard e gli obiettivi specifici dell'Europa.

La UEFA lavorerà insieme alle federazioni calcistiche e ai principali portatori di interesse del calcio europeo – tifosi, giocatori, club e leghe – per raggiungere gli obiettivi della risoluzione e attuarne le raccomandazioni. Gli organi di governo dello sport e le istituzioni devono anche continuare a lavorare in stretta collaborazione per dedicarsi alle priorità, agli obiettivi di politica pubblica e ai risultati sociali in Europa.

Inoltre, il rapporto “riconosce gli sforzi compiuti dalle organizzazioni e dalle federazioni per garantire l'attuazione dei principi di good governance nello sport”. In questo contesto, la UEFA ha invitato l'autore della risoluzione e copresidente del gruppo sportivo del Parlamento europeo, Tomasz Frankowski, a parlare della sua relazione con i principali portatori di interesse del calcio alla prossima riunione plenaria della Convenzione sul futuro del calcio europeo, prevista per l'inizio del 2022.

A proposito della risoluzione, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha dichiarato: "Il messaggio del Parlamento europeo a nome dei cittadini è chiaro: l'Europa e gli europei si oppongono fermamente ai progetti separatisti come la Super League perché minacciano i valori dello sport europeo. Il calcio non è un mercato pensato per l'élite e i guadagni finanziari: è una storia di successo europea che dà benefici a tutta la società. Continueremo a lavorare con l'UE per rafforzare e proteggere il modello sportivo europeo nel nostro calcio".