Batya Bagully torna alle origini

Batya Bagully, giovane attaccante dei LA Galaxy San Diego, ha disputato un torneo di sviluppo UEFA vestendo la maglia del Kazakistan, il suo paese di nascita.

Batya Bagully ha rappresentato il Kazakistan, suo paese di nascita
Batya Bagully ha rappresentato il Kazakistan, suo paese di nascita ©UEFA.com

A un recente torneo di sviluppo Under 16 organizzato dalla UEFA in ERJ Macedonia, molte giovani promettenti hanno avuto l'opportunità di rappresentare la propria nazione. Una, però, ha avuto un incentivo in più.

Batya Bagully, attaccante dei LA Galaxy San Diego, ha giocato nel Kazakistan, la nazione in cui è nata 14 anni fa prima di essere adottata da una famiglia statunitense. Dopo aver accettato l'invito della Federcalcio kazaka (KFF) a rappresentare il suo paese di origine, la giocatrice ha accettato ed è stata accompagnata dalla mamma Stephanie e dal papà James.

Dopo due settimane di allenamenti con le nuove compagne a Shymkent, nel sud del Kazakistan, la squadra è partita per il torneo UEFA a Skopje.

Bagully entra in campo
Bagully entra in campo©UEFA.com

"Il viaggio a Shymkent è stato molto lungo, ma questo paese è bellissimo - ha spiegato -. Anche se non si parla molto inglese, a parlare è il calcio". Bagully ha esordito con il Kazakistan nella gara persa 5-2 contro l'ERJ Macedonia, poi ha pareggiato contro Ucraina e Lussemburgo.

"Sono molto orgogliosa di rappresentare il paese in cui sono nata - dichiara l'attaccante a UEFA.org -. È la cosa più bella che mi sia mai successa e non avrei mai creduto che fosse possibile!".

Giocando per la prima volta a livello internazionale, Bagully ha sperimentato in prima persona l'utilità di questi tornei. "Ho imparato di più sul calcio e sulle mie avversarie, quindi è stata una bella esperienza".

Bagully ha giocato tre partite in ERJ Macedonia
Bagully ha giocato tre partite in ERJ Macedonia©UEFA.com

Nati per offrire ai giovani la possibilità di mettersi alla prova e fare esperienza, i tornei di sviluppo UEFA sono un'occasione d'oro per le prossime generazioni di calciatori. "C'erano tante ragazze che arrivavano da diversi paesi - racconta Bagully -. Nonostante le barriere linguistiche, il calcio è uguale dappertutto e ha la capacità di avvicinare la gente".

Tornata ai LA Galaxy San Diego, Bagully attende la prossima chiamata del Kazakistan. "Gli allenatori dell'Under 16 mi hanno chiesto se fossi interessata a tornare. Ovviamente ho detto di sì. Sarei onorata di vestire di nuovo la maglia del Kazakistan".

"L'esperienza di Batya con la nazionale Under 16 è stata eccezionale - commenta il padre James -. Lei è stata accettata subito e la squadra è un gruppo straordinario. Ci stiamo ancora rendendo conto di tutto quello che ci è successo e delle persone che abbiamo conosciuto. I tornei di sviluppo UEFA sono fantastici sotto tutti i punti di vista".

Batya Bagully (in alto, seconda da sinistra) con le nuove compagne
Batya Bagully (in alto, seconda da sinistra) con le nuove compagne©UEFA.com
In alto