Patrizia Panico: ‘Non ho scelto questo sport, il calcio ha scelto me’

In un'intervista prima della finale di UEFA Women's Champions League, Patrizia Panico racconta come ha iniziato a giocare a calcio e quali valori attribuisce al calcio come mezzo di crescita personale e sociale.

Patrizia Panico: 'Non ho scelto questo sport, il calcio ha scelto me'
Patrizia Panico: 'Non ho scelto questo sport, il calcio ha scelto me'

In un'intervista video prima della finale di UEFA Women's Champions League, Patrizia Panico, attaccante italiana che milita nella Fiorentina, racconta come ha iniziato a giocare a calcio, cosa pensa dei genitori e dello sport, e quali valori attribuisce al calcio come mezzo di crescita personale e sociale.

Cosa ti ha attratto del calcio?

Patrizia Panico: 'La verità è che non penso di aver scelto questo sport. Prima di giocare a calcio nuotavo. Il mio obiettivo era quello di avere un'occasione con un club vicino a casa, con una squadra di calcio, quello era il mio sogno. Penso che sia stato il calcio a scegliere mee.'

Che valori attribuisci al calcio?

Patrizia Panico: 'Il calcio può insegnarti molto perché è uno sport di squadra. Ti fa condividere i bei momenti ma anche la responsabilità. Ovviamente è importante prenderlo sul serio, e che il gruppo si aiuti a vicenda. Penso che sia tra le cose più importanti del calcio e di tutti gli sport di squadra. Quando sei in difficoltà c'è sempre un compagno che può darti una mano e viceversa se è un tuo compagno ad avere problemi". 

Clicca sul lettore video qui sopra per ascoltare Patrizia Panico.