La giuria ha scelto i progetti di ricerca per il 2018/19

Sette progetti di ricerca sono stati scelti per ricevere sovvenzioni in questa stagione nell'ambito del programma UEFA Research Grant, al fine di avere risultati auspicabilmente utili per la comunità calcistica europea.

I partecipanti del programma UEFA Research Grant
I partecipanti del programma UEFA Research Grant ©UEFA.com

La giuria del programma UEFA Research Grant – iniziativa che supporta il lavoro accademico di dottorandi e ricercatori post-dottorato che studiano diversi aspetti del calcio europeo – ha scelto i progetti di ricerca che riceveranno sovvenzioni per la stagione 2018/19, in occasione del nono anno del programma.

I progetti di ricerca finanziati dalla UEFA hanno lo scopo di produrre risultati che la comunità calcistica europea può utilizzare per prendere decisioni consapevoli, e che anche la UEFA e le sue federazioni affiliate possono utilizzare per migliorare attività e progetti.

Quest'anno la UEFA ha ricevuto 55 proposte per progetti di ricerca sviluppati per e in collaborazione con 26 diverse federazioni affiliate - un chiaro segnale del forte interesse delle federazioni nei confronti della ricerca accademica. Le 55 proposte sono arrivate alla seconda fase di valutazione e, dopo una revisione completa, sono stati scelti i seguenti sette dalla giuria:

Valutazione di un buon impianto – Eine Überprüfung von Umsetzung und Wirkung in der Swiss Football League, di Alain Brechbühl, University of Bern, Svizzera. Progetto supportato dalla Federcalcio svizzera.

L'uscita dal calcio dei giocatori per tutelarne il suo benessere: studio sull'identità di carriera, di Gavin Breslin, Ulster University, Irlanda del Nord. Progetto supportato dalla Federcalcio irlandese.

Quantificazione del dispendio energetico nei giocatori di calcio giovanile d'elite: implicazioni per le linee guida sulla nutrizione sportiva specifica per la popolazione, di James Morton, Liverpool John Moores University, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio inglese.

Perché gli arbitri (giovani) interrompono la carriera di arbitro? Approfondimenti e implicazioni, di Paul Potrac, Northumbria University, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio inglese.

L'impatto del sonno nella salute e nelle prestazioni sportive dei giovani calciatori, di Gil Rodas, Ramon Llull University, Spain. Project supported by the Royal Spanish Football Federation.

Il punto sul ‘bio-banding’ come strumento per la continua (de)selezione di talenti delle giovanili usando un approccio multidisciplinare, di Christopher Towlson, University of Hull, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio scozzese.

Perché i club di calcio maschile professionistico investono nel calcio femminile? Un'analisi delle determinanti alla base dell'integrazione delle squadre di calcio femminile, di Maurizio Valenti, University of Stirling, Scozia. Progetto supportato dalla Federcalcio italiana.

Questi sette ricercatori trascorreranno i prossimi nove mesi a svolgere le loro ricerche in collaborazione con le federazioni nazionali di supporto prima di presentare le loro conclusioni alla UEFA il prossimo anno.

“La giuria è molto soddisfatta dei progetti di ricerca che ha selezionato per questo nuovo ciclo del programma. Detto questo, è stato difficile scegliere, dato il gran numero di proposte di altissima qualità e molto diverse che riflettono il crescente interesse delle federazioni affiliate alla UEFA nell'affrontare questioni strategiche in collaborazione con gli accademici. La giuria confida che questi progetti di ricerca forniranno spunti utili per le federazioni affiliate e per altri protagonisti del calcio europeo", ha dichiarato il presidente della giuria, Michel D'Hooghe.

Relazioni finali
I ricercatori che hanno ricevuto sovvenzioni per la stagione 2017/18 hanno consegnato le relazioni finali alla giuria dopo aver svolto i seguenti progetti di ricerca:

Sostenere l'allenatore cosmopolita attraverso una formazione multiculturale, di Mario Borges, London South Bank University, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio portoghese.

Programmare l'allenamento concomitante precedendo gli infortuni acuti non dovuti a contatti di gioco nei calciatori europei elite, di Kevin Enright, Liverpool John Moores University, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio inglese

Storia di club, campionati e nazioni: l'impatto della Coppa d'Africa nel calcio professionistico europeo, di Levi Pérez, University of Oviedo, Spagna. Progetto supportato dalla Federcalcio spagnola.

Le pratiche di lavoro e gli ambienti operativi degli arbitri da una prospettiva comparativa transnazionale, di Tom Webb, University of Portsmouth, Inghilterra. Progetto supportato dalla Federcalcio olandese.

La giuria del programma UEFA Research Grant è composta da cinque rappresentanti della famiglia del calcio europeo e da cinque accademici conosciuti a livello internazionale per il loro lavoro su sport e calcio europeo. Quest'anno la giuria ha accolto tre nuovi membri, con Edvinas Eimontas, Nathalie Iannetta Sabattier e Giangiorgio Spiess che hanno lasciato il posto a Evelina Christillin, Alfred Ludwig, e Hannu Tihinen.

La giuria del programma UEFA Research Grant 

Rappresentanti della comunità calcistica europea:

• Dottor Michel D’Hooghe (presidente del Comitato Medico UEFA e della giuria del programma UEFA Research Grant)
• Evelina Christillin (membro del Consiglio FIFA) – nuova 
• Alfred Ludwig (ex amministratore delegato della Federcalcio austriaca) – nuovo
• Ivančica Sudac (capo degli Affari Internazionali e Licenze presso la Federcalcio croata)
• Hannu Tihinen (direttore sportivo alla Federcalcio finlandese nonché ex giocatore) – nuovo

Rappresentanti accademici:

• Prof. Susan Bridgewater (University of Liverpool, Inghilterra)
• Prof. Paul Downward (Loughborough University, Inghilterra)
• Prof. Jan Ekstrand (ex vice presidente del Comitato Medico UEFA, professore alla Linköping University, Svezia)
• Prof. Jürgen Mittag (German Sport University, Colonia, Germania)
• Prof. Fabien Ohl (University of Lausanne, Svizzera)

Questo articolo è apparso originariamente su UEFA Direct No 180

In alto