Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Terza edizione MESGO

A Parigi è stata inaugurata la terza edizione del Master Superiore in Amministrazione dello Sport Europeo (MESGO), un programma di formazione esclusivo per rappresentanti e amministratori di varie organizzazioni sportive.

La terza edizione del programma MESGO è stata inaugurata presso la Federcalcio francese (FFF).
La terza edizione del programma MESGO è stata inaugurata presso la Federcalcio francese (FFF). ©UEFA

A Parigi è stata inaugurata la terza edizione del Master Superiore in Amministrazione dello Sport Europeo (MESGO), un programma di formazione esclusivo per rappresentanti e amministratori di varie organizzazioni sportive. L'obiettivo dei partecipanti è affinare le proprie doti nell'amministrazione calcistica per apportare benefici a tutto il calcio del Vecchio Continente.

Il programma MESGO è destinato agli amministratori e ai funzionari che lavorano in federazioni internazionali, europee o nazionali; club, leghe e associazioni di categoria; istituzioni, enti e partner degli organi sportivi. Ai partecipanti offre formazione, contatti sociali e professionali, ma anche opportunità per condividere informazioni e crescere dal punto di vista personale. Creato tramite iniziative di università e centri di ricerca rinomati a livello internazionale, il programma MESGO è stato sviluppato grazie alla partnership tra i membri dell'Associazione Sport di Squadra Europei (ETS) e gode del pieno sostegno della UEFA.

Tra le istituzioni accademiche che partecipano al progetto MESGO figurano: Birkbeck Sports Business Centre (Università di Londra), Centro di Giurisprudenza ed Economia dello Sport (Università di Limoges), Università Johannes Gutenberg di Magonza, Institut Nacional D'Educacio Fisica de Catalunya (Università di Lleida) e Sciences Po Paris. Le istituzioni sportive partner, oltre alla UEFA, sono la Federazione Europea Pallamano (EHF), la Federazione Internazionale Hockey su ghiaccio (IIHF), la Federazione Europea di Rugby (FIRA-AER), FIBA Europa (pallacanestro) e la Confederazione Europea di Pallavolo (CEV).

Il programma è dedicato in particolare alle sfide presenti e future per le organizzazioni sportive (specificità dello sport, bilancio competitivo, sfruttamento dei diritti commerciali, dialogo sociale, combine, doping, responsabilità sociale, ecc.). Il programma MESGO, inoltre, analizza in modo approfondito tematiche legali, politiche ed economiche (es. leggi sulla concorrenza, prevenzione delle controversie, gestione dei rischi, normative e mezzi di comunicazione).

Tra i 23 partecipanti alla terza edizione del corso MESGO figurano sei direttori/segretari generali provenienti da federcalcio nazionali europee. Il corso, composto da nove seminari da una settimana in 18 mesi, si svolge in varie città europee. In un ambiente in continuo mutamento quale l'industria dello sport, il suo scopo è offrire agli studenti una migliore comprensione delle sfide attuali e future nel settore sportivo, dedicandosi anche alla dimensione europea. Due sedute si svolgono fuori dall'Europa (New York e Rio de Janeiro) per studiare dettagliatamente altri modelli organizzativi.

Nel discorso di benvenuto, il segretario generale della federazione europea pallacanestro (FIBA), Kamil Novák, ha dichiarato che il programma MESGO non è solo un fulgido esempio di collaborazione tra il mondo accademico e quello sportivo, ma un progetto concreto che interessa i principali sport di squadra europei. "Questa associazione riunisce le federazioni europee di basket, calcio, pallamano, rugby, pallavolo e la Federazione Internazionale Hockey su Ghiaccio - ha commentato -. Il programma MESGO è unico perché le federazioni hanno partecipato alla selezione dei contenuti del corso fin dalla prima edizione".

"Senza dubbio, questo spiega il successo del programma tra i dirigenti sportivi, in Europa e in tutto il mondo. In effetti, la collaborazione garantisce che le tematiche prese in esame siano perfettamente allineate alle esigenze delle federazioni sportive e dei loro partner. Il corso è una splendida piattaforma perchè consente di discutere e scambiare conoscenze non solo tra le federazioni, ma anche con i rappresentanti di altri organismi come federazioni nazionali, club e organizzazioni statali o private che operano nello sport".

"Avete appena cominciato un lungo viaggio - ha spiegato ai partecipanti Thierry Favre, direttore sviluppo federazioni nazionali UEFA -. Nelle prossime nove sedute conoscerete oratori incredibili, come accademici di talento e professionisti esperti. È esattamente quello che voleva la UEFA: creare una rete di persone che si riuniscono per parlare delle sfide presenti e future nello sport".

"La UEFA apprezza molto che il programma MESGO si svolga in collaborazione con altri sport di squadra europei - ha aggiunto Favre -. Sappiamo bene che abbiamo molto da imparare dagli altri, ed è proprio per questo che è nato il progetto MESGO".

In alto