Beckham 'onorato' per il Premio del Presidente UEFA

David Beckham ha parlato con orgoglio della sua straordinaria carriera quando ha ricevuto a Montecarlo il Premio UEFA del Presidente per il 2018.

David Beckham (a destra) riceve il Premio UEFA del Presidente direttamente dalle mani del presidente UEFA, Aleksander Čeferin
David Beckham (a destra) riceve il Premio UEFA del Presidente direttamente dalle mani del presidente UEFA, Aleksander Čeferin ©AFP/Getty Images

David Beckham si è detto molto orgoglioso di essere stato scelto come destinatario del Premio del Presidente UEFA per il 2018.

La stella inglese ha ricevuto il riconoscimento giovedì direttamente dal presidente Aleksander Čeferin durante la cerimonia di Montecarlo per il sorteggio della fase a gironi di UEFA Champions League.

“È fantastico trovarmi qui con alcuni tra i migliori di sempre, quindi è per me un onore essere qui e fare parte di questo evento così speciale", ha detto il 43enne ricevendo il premio.

"Abbiamo tutti seguito la carriera di David. È stato un giocatore fantastico che ha cambiato il calcio in termini di immagine", ha raccontato il signor Čeferin.

Beckham – descritto da Aleksander Čeferin come una “vera icona del calcio della sua generazione” – ha iniziato la scalata nel grande calcio nel 1992.

Il centrocampista è venuto alla ribalta nei suoi dieci anni col Manchester United, con cui ha vinto la UEFA Champions League nel 1999 grazie a una rimonta al cardiopalma negli ultimissimi minuti contro il Bayern Munich. "Vincere la Champions League come l'abbiamo vinta allora è stato incredibile", ha ammesso Beckham.

Beckham si è aggiudicato sei Premier League prima di trasferirsi al Real Madrid per quattro anni sino al 2003. Ha inoltre giocato con i LA Galaxy e vestito la maglia dell'AC Milan (in prestito), prima di chiudere la carriera al Paris St-Germain nel 2013. 

Beckham – diventato famoso per le punizioni a scavalcare la barriera - è uno dei pochi inglesi ad aver vestito la maglia della nazionale per oltre 100 volte. Ha infatti disputato 115 partite complessivamente con l'Inghilterra, segnando 17 gol e ha partecipato a tre Coppe del Mondo FIFA e due UEFA EURO.

Nella sua carriera ventennale con club e nazionale ha giocato 762 partite e fatto 130 gol, oltre a tantissimi assist, anche grazie alla sua innata capacità di segnare o creare pericoli sui calci piazzati.

È stato inserito nella Squadra dell'Anno degli utenti di UEFA.com in due occasioni - nel 2001 e 2003 - mentre nel 1999 è arrivato secondo dietro all'asso brasiliano Rivaldo nella corsa al Pallone d'Oro.

Al di là dei successi in campo, il 43enne Beckham ha lavorato generosamente fuori dal campo per migliorare le vite di coloro che vivono in difficoltà e povertà.

Nel 2015 ha creato il ‘7: The David Beckham UNICEF Fund’ per aiutare i bambini, affrontando temi come bullismo, violenza e il fenomeno delle spose bambine, garantendo altresì ai più giovani di avere una possibilità di andare a scuola e avere un'istruzione.

"Il calcio ha la possibilità di cambiare le vite dei bambini. Ci sono bimbi che vivono nel nulla ma guardano il calcio e hanno come idoli calciatori che giocano in Champions League", ha raccontato Beckham

"È una delle cose di cui sono più orgoglioso essere coinvolto in un'organizzazione che fa così tanto per i bambini di tutto il mondo".

"Beckham usa la forza del calcio per aiutare i bambini svantaggiati di tutto il mondo, quindi per me è stata la scelta più ovvia per questo premio", ha concluso Aleksander Čeferin.

In alto