A Kopa il Premio del Presidente UEFA

Il fuoriclasse francese degli anni '50 riceverà sabato il premio dalle mani del presidente della UEFA Michel Platini durante una cerimonia allo Stade de Reims. "Un grande onore", ha commentato l'ex attaccante.

Raymond Kopa, fuoriclasse francese che ha scritto pagine memorabili in Francia con lo Stade de Reims e in Spagna con il Real Madrid CF, è il vincitore del prestigioso Premio del Presidente UEFA, edizione 2010.

Fantasista di straordinaria versatilità e stella mondiale negli anni ’50, Kopa riceverà sabato il premio dalle mani del presidente della UEFA Michel Platini prima della partita della Ligue 2 francese Stade de Reims-Le Havre AC, in programma allo stadio Auguste Delaune di Reims. Kopa è l’ultimo campione in ordine di tempo a ricevere il Premio del Presidente UEFA, che rende omaggio a imprese straordinarie, eccellenza professionale e qualità personali esemplari.

Nato a Noeux-les-Mines il 13 ottobre 1931, Raymond Kopa esordisce con la Francia il 5 ottobre 1952: vittoria per 3-1 contro la Germania Ovest. Con la Francia disputa due Mondiali FIFA, indossa sei volte la fascia di capitano, e realizza 18 gol in 45 partite in dieci anni. Al Mondiale del 1958, la Francia chiude al terzo posto e Kopa è incoronato miglior giocatore del torneo. Lo stesso anno, Kopa riceve il Pallone d’Oro dalla prestigiosa rivista France Football.

Dopo i primi passi con la squadra della città natale, US Noeux-les-Mines, Raymond Kopa passa all’Angers SCO, prima di trasferirsi al Reims. Qui contribuisce alla conquista di due titoli di Francia, nel 1953 e 1955, e raggiunge la prima finale di Coppa dei Campioni nel 1956: partita memorabile che il Reims perde 4-3 contro il Real Madrid.

Kopa passa successivamente al Real Madrid, una delle più grandi squadre di tutti i tempi, con cui solleva la Coppa dei Campioni per tre anni di seguito: 1957, 1958 e 1959. Magnifico ambasciatore del calcio francese, vince anche due campionati con il Real Madrid durante la proficua permanenza in Spagna.

Rientrato al Reims con cui gioca fino al termine della carriera agonistica, Kopa vince altri due campionati, nel 1960 e 1962. Si ritira nel 1967 e, più tardi, nel novembre 1970, diventa il primo calciatore francese a essere insignito della Legione d’Onore.

"Malgrado non abbia mai giocato con questo numero, è stato il precursore del moderno 10 – ha dichiarato Michel Platini -. E’ stato uno dei primi a provare la grande avventura di trasferirsi all’estero. Ha messo il calcio sulle prime pagine dei giornali francesi per la prima volta".

"E’ un grande onore per me ricevere il premio quest’anno – ha dichiarato Kopa -. Prima di tutto perché sono il primo francese a riceverlo. In secondo luogo, perché questo riconoscimento viene dalla UEFA – un’organizzazione che si è sempre spesa per il bene del calcio -, il re degli sport, che così tanto ha fatto per avvicinare le nazioni che formano il vecchio continente dell’Europa".

Un omaggio speciale a Kopa l’ha voluto rendere l’ex compagno di squadra al Mondiale del 1958, Just Fontaine, che con 13 gol in quel torneo detiene ancora il record. "Desidero congratularmi con Michel Platini per aver voluto omaggiare i grandi campioni del nostro passato, di cui Raymond Kopa fa incontestabilmente parte", ha dichiarato.

Il Premio del Presidente UEFA, introdotto dalla UEFA nel 1998, si concentra sui veri protagonisti – i calciatori – che hanno contribuito allo sviluppo e al successo del calcio.

Il 18 febbraio 2008, Michel Platini ha consegnato il suo primo Premio del Presidente UEFA ad Alfredo di Stéfano, il fuoriclasse del Real Madrid che fece incetta di trionfi negli anni ’50 e agli inizi degli anni ’60. Il 29 aprile 2009, ha omaggiato un altro nome illustre, Sir Bobby Charlton, campione del Manchester United FC e dell’Inghilterra. Il 23 febbraio 2010, Michel Platini ha invece consegnato con orgoglio il suo terzo premio a Eusébio, il campione portoghese che ha illuminato la scena europea negli anni ’60.

Clicca qui per leggere l'intervista integrale con Raymond Kopa pubblicata dlla rivista Champions

In alto