Virgil van Dijk dona 100.000 euro alla Croce Rossa a nome della UEFA

Virgil van Dijk ha donato l'assegno UEFA alla Croce Rossa per sostenere un importantissimo progetto umanitario: riunire le famiglie separate dai conflitti armati e da altre situazioni di violenza.

La UEFA ha celebrato l'inizio di una nuova causa umanitaria martedì, quando il difensore Virgil van Dijk del Liverpool FC ha donato un assegno da € 100.000 al Comitato Internazionale Croce Rossa (ICRC). Il nuovo progetto si propone di riunire le famiglie separate dai conflitti armati e da altre situazioni di violenza.

Van Dijk ha ricevuto l'assegno prima della gara di UEFA Champions League contro l'FC Bayern München ad Anfield dal vicepresidente UEFA Michele Uva. La donazione è stata consegnata a Martin Schüepp, vicedirettore Europa e Asia Centrale dell'ICRC.

Il giocatore prescelto per consegnare l'assegno è stato Van Dijk, votato nella Squadra dell'Anno 2018 di UEFA.com. Battuto in finale di UEFA Champions League con il Liverpool dal Real Madrid CF a Kiev, il centrale è entrato nella squadra votata dai lettori di UEFA.com per la prima volta.

"È importante, perché non molte altre organizzazioni fanno questo lavoro. Penso che sia un buon progetto da sostenere", ha dichiarato l'olandese.

"La famiglia è la cosa più importante del mondo. A fine giornata vuoi solo stare con la tua famiglia. I bambini vogliono stare con la mamma e il papà. Questa opera della Croce Rossa è speciale e dobbiamo assolutamente incoraggiare la gente ad aiutarla".

Per Van Dijk, che ha due figlie piccole, sarebbe difficile anche solo immaginare una separazione dalla famiglia.

"Non riesco a immaginare di non vedere più le mie bambine, o che potrebbero essere da qualche parte nel mondo senza sapere dove - ha commentato il giocatore, 27 anni -. Non riesco a immaginarlo e spero di non doverlo neanche immaginare, ma come ho detto, è molto speciale che che l'ICRC aiuti queste famiglie".

Nel 2018, la Croce Rossa ha riunito 1000 persone, di cui oltre 800 bambini. Tuttavia, con conflitti armati che mettono in pericolo milioni di persone in tutto il mondo, riunire le famiglie è una sfida costante.

"Al momento cerchiamo oltre 100.000 dispersi in tutto il mondo. Per la nostra missione umanitaria, rimettere insieme le famiglie è importante come dare cibo, riparo o acqua. Lavoriamo in presenza di conflitti armati, altre situazioni di violenza e migrazioni e sentiamo dire spesso che la priorità assoluta delle persone è trovare i loro cari", ha commentato Schüepp.

"La UEFA è un partner importante. Sapere che questa donazione aiuterà a riunire le famiglie separate dai conflitti e dalla violenza invoglia a portare avanti il lavoro e la partnership con la UEFA".

Nell'ambito di una partnership che dura da oltre 20 anni, la UEFA ha donato oltre 3,5 milioni di euro alla Croce Rossa per aiutare le persone svantaggiate di tutto il mondo.

In alto