UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il calcio piange la leggenda brasiliana Pelé

Pelé, tre volte vincitore della Coppa del Mondo FIFA e universalmente uno dei più grandi giocatori di sempre, è morto all'età di 82 anni.

Ricordando il grande brasiliano Pelé

Pelé, universalmente considerato uno dei più grandi calciatori di sempre, è morto all'età di 82 anni.

L'attaccante brasiliano, nominato Atleta del Secolo dal Comitato Olimpico Internazionale nel 1999, ha vinto la Coppa del Mondo FIFA tre volte e ha stabilito il record nazionale ex aequo di 77 gol in 92 presenze.

Edson Arantes do Nascimento - questo il suo nome completo - ha giocato per la prima volta con il Brasile nel 1957, all'età di 16 anni, conquistando la sua prima Coppa del Mondo solo un anno dopo in Svezia. Ha aiutato il suo paese a difendere il titolo in Cile nel 1962, prima di capitanare una delle più grandi squadre brasiliane di tutti i tempi conquistando il terzo trionfo in Messico nel 1970 - un'impresa considerata ancora oggi il fiore all'occhiello di Pelé.

Tuttavia, le statistiche non rendono giustizia al talento unico di Pelé, che ha elevato il livello dei più importanti calciatori internazionali in tutto il mondo. Nessun giocatore aveva mai mostrato una miscela così unica di velocità, tocco di palla, visione di gioco e precisione, dal suo primo gol contro la Svezia nella finale della Coppa del Mondo del 1958 al potente colpo di testa che ha trascinato il Brasile alla vittoria per 4-1 sull'Italia nella finale del 1970.

"Siamo profondamente addolorati per la perdita di Pelé, uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi", ha dichiarato il presidente della UEFA Aleksander Čeferin. "È stato la prima superstar globale di questo sport e, grazie ai successi dentro e fuori dal campo, ha svolto un ruolo pionieristico nell'ascesa del calcio a sport più popolare del mondo. Ci mancherà moltissimo. A nome della comunità calcistica europea, riposa in pace, Pelé".

Pelé fa festa dopo il successo nella finale della Coppa del Mondo del  1958
Pelé fa festa dopo il successo nella finale della Coppa del Mondo del 1958 Popperfoto via Getty Images

A livello di club, Pelé ha trascorso quasi tutta la sua carriera al Santos (1956-1974), segnando 643 gol in 659 partite, ritirandosi nel 1977 dopo due anni con i New York Cosmos nella North American Soccer League.

Con il Santos, Pelé ha vinto due titoli di Copa Libertadores (oltre a sei campionati brasiliani), seguiti da due trionfi in Coppa Intercontinentale, in cui ha siglato sette gol in tre partite; nell'ultima ha firmato una tripletta contro il Benfica all'Estádio da Luz nel 1962.

Poiché Pelé ha scelto di giocare praticamente tutta la sua carriera in patria, le opportunità per i tifosi europei di assistere in prima persona alle sue giocate sono state limitate: il suo primo trionfo nella Coppa del Mondo in Svezia, il Mondiale in Inghilterra nel 1966 e una serie di partite amichevoli nei primi anni Settanta con il Santos.