I bambini incontrano virtualmente le stelle della UEFA Champions League prima della partita

La UEFA Foundation for Children e Mastercard hanno offerto ad alcuni bambini con gravi patologie la possibilità di incontrare virtualmente le stelle della UEFA Champions League all'ingresso nello stadio.

UCL_MBAPPE_DIMARIA_HELLO_FOUNDATION_ACTIVATION_16X9
UCL_MBAPPE_DIMARIA_HELLO_FOUNDATION_ACTIVATION_16X9

Alcuni bambini inglesi, tedeschi, italiani e spagnoli avranno la possibilità di incontrare virtualmente alcuni dei più importanti calciatori del mondo durante la fase finale della UEFA Champions League. Due giovanissimi hanno avuto modo di interagire con giocatori del calibro di Kylian Mbappé e Ángel Di María prima della semifinale di martedì tra Lipsia e Paris Saint-Germain, e un altro incontro virtuale avrà luogo prima della finale di domenica.

L'iniziativa è stata realizzata da Mastercard, partner della UEFA Champions League, in collaborazione con la UEFA Foundation for Children, che ha selezionato i bambini che sono virtualmente apparsi all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica di Lisbona.

Questa straordinaria occasione è capitata a Ruby Wilson e Annika Wein prima della semifinale tra Lipsia e PSG. I due bambini hanno avuto la possibilità di dare il benvenuto e interagire con i giocatori al loro ingresso nello stadio. Ruby, una bimba di 11 anni di Sunderland e grande appassionata di calcio, è attualmente sottoposta a chemioterapia, mentre l'11enne Annika Wein è in cura presso una clinica oncologica di Francoforte.

"Wow! Ricorderò questo giorno per il resto della mia vita! Grazie!", ha detto Ruby quando ha saputo di essere stata scelta per partecipare all'iniziativa. "Dopo che il dottore mi ha recentemente detto che potrei non giocare mai più a calcio, questa notizia mi ha risollevato molto il morale! Non dimenticherò mai questo giorno".

"Grazie, grazie, grazie!", ha detto Annika. "Non vedevo l'ora di salutare i giocatori. Adoro il mio nuovo completino da calcio - è fantastico! Grazie ancora".

UCL_PRESIDENT_HELLO_FOUNDATION_ACTIVATION_16X9
UCL_PRESIDENT_HELLO_FOUNDATION_ACTIVATION_16X9

Anche il presidente UEFA, Aleksander Čeferin, che è anche presidente del cda della UEFA Foundation for Children, è passato davanti Annika e Ruby e ha interagito con loro.

I due bimbi sono stati scelti dalla UEFA Foundation nei progetti intrapresi in Europa in collaborazione con altre organizzazioni. Ruby è membro della Newcastle United Foundation, un'associazione che offre sostegno ai bambini che vivono con disabilità, mentre Annika è alla Klinik für Kinder- und Jugendmedizin dell'Universitätsklinikum di Francoforte.

L'italiano Nicoló, grande collezionista di figurine Panini e divoratore di giornali sportivi, avrà la possibilità di incontrare i giocatori prima della finale. Soffre di gravi problemi cognitivi ed è stato scelto dall'iniziativa Play for Change, che ha sede a Milano. A lui si aggiungerà Amir Korkar Garcia, un bimbo con la sindrome di down che è attualmente in cura presso l'ospedale Vall d'Hebron di Barcellona, sostenuto dalla Fondazione Eric Abidal, un'organizzazione che aiuta i bambini malati di cancro.

"La UEFA Foundation è lieta di sostenere questa meravigliosa iniziativa", ha dichiarato il segretario generale della Fondazione UEFA, Urs Kluser. "I bambini in ospedale raramente hanno la possibilità di essere coinvolti in una cosa del genere - è stato meraviglioso vedere i loro enormi sorrisi e le loro facce felici mentre accoglievano i giocatori allo stadio".

La UEFA Foundation for Children sostiene numerosi partner in tutto il mondo con l'obiettivo di migliorare le vite dei  più giovani.
La UEFA Foundation for Children sostiene numerosi partner in tutto il mondo con l'obiettivo di migliorare le vite dei più giovani.UEFA

"Grazie ai nostri partner per aver reso possibile tutto questo: la Newcastle United Foundation e la Klinik für Kinder- und Jugendmedizin, Universitätsklinikum Frankfurt. Infine, un grande ringraziamento a Mastercard per il suo sostegno alla UEFA Champions League da oltre 25 anni. Insieme, abbiamo contribuito a trasformare in realtà questo sogno per Ruby e Annika".

Mastercard è un partner di riferimento della UEFA Champions League da oltre un quarto di secolo. Col suo programma di mascotte dei giocatori ha regalato ai bambini di tutto il mondo ricordi indelebili nel corso degli anni. Tuttavia, date le sfide poste dalla pandemia COVID-19, è stata costretta a elaborare un nuovo piano per la competizione di quest'anno.

"Fin dall'inizio della pandemia, ci siamo concentrati sulle persone e quindi abbiamo avuto bisogno di passare rapidamente dalle esperienze fisiche a quelle digitali per adattarci agli ambienti mutevoli in cui viviamo", ha dichiarato Jeannette Liendo, vicepresidente senior, marketing e comunicazione di Mastercard Europe.

"Per la prima volta in assoluto, nella semifinale di quest'anno le nostre mascotte Ruby e Annika hanno avuto la possibilità di interagire dal vivo con i giocatori del Paris Saint Germain e RB Lipsia al loro arrivo allo stadio. In occasione della finale di UEFA Champions League, Nicoló e Amir vivranno un'esperienza unica nella vita, accogliendo virtualmente i giocatori del Bayern Monaco e del Paris Saint Germain. Poiché vogliamo sempre essere dei pionieri della tecnologia, ci auguriamo che questa iniziativa possa essere indimenticabile per le nostre mascotte per festeggiare alla grande la ripresa della UEFA Champions League. Siamo molto orgogliosi che il 2020 vedrà la nostra prima interazione virtuale in assoluto per le mascotte dei giocatori".