Linea dura UEFA contro le combine

La UEFA ha ribadito il proprio impegno nella lotta alle combine nel calcio, un fenomeno che, secondo l'organo di governo europeo, mina lo spirito e l'anima dello sport.

Linea dura UEFA contro le combine
Linea dura UEFA contro le combine ©UEFA.com

La UEFA ha ribadito la propria determinazione nel combattere il fenomeno delle combine nel calcio e il Segretario Generale Gianni Infantino ha dichiarato che "anche una sola gara truccata è una gara truccata di troppo".

Nel corso del meeting svoltosi giovedì a Bilbao, Spagna, il Comitato Esecutivo UEFA ha varato una risoluzione in 11 punti per l'integrità del calcio La bozza del documento verrà trasmessa alle 54 federazioni nazionali affiliate alla UEFA per avviare un processo consultivo che porterà alla votazione in occasione del XXXVIII Congresso Ordinario UEFA, in programma il 27 marzo del prossimo anno ad Astana, Kazakistan.

La UEFA ha fatto della lotta al razzismo e alle combine uno dei suoi capisaldi ed è impegnata a preservare l'integrità del calcio e il suo spirito originario attraverso un continuo programma di educazione rivolto a giocatori, ufficiali di gara e allenatori, un sofisticato sistema di monitoraggio e coperazione con l'industria delle scommesse e una rafforzata collaborazione con forze dell'ordine e autorità statali. L'organo di governo europeo è determinato a cancellare dal calcio una piaga definita come 'un cancro' che attacca lo sport alla radice.

"Per la UEFA, la lotta alle combine è una priorità assoluta - ha dichiarato il Signor Infantino al termine della Riunione del Comitato Esecutivo -. Abbiamo una politica di tolleranza zero nei confronti delle combine, ma è importante che anche le federazioni [nazionali] europee approccino il problema nella maniera più uniforme possibile".

"Il Comitato Esecutivo chiede alle federazioni di adottare politiche concrete ed efficaci contro le combine e di farlo in maniera omogenea. La stessa infrazione non può essere punita in un modo in un paese e in modo diverso in un altro".

"Le combine colpiscono il calcio al cuore - ha aggiunto il Signor Infantino -. Da parte nostra, intendiamo rafforzare i rapporti tra organi sportivi e autorità statali. Stiamo monitorando 32.000 partite all'anno, tutte le gare delle competizioni UEFA e tutte quelle di prima e seconda divisione dei campionati nazionali. Sappiamo che solo lo 0,7% di queste 32.000 partite presentano dati sospetti, ma anche una sola gara truccata è una gara truccata di troppo".

La UEFA utilizza ispettori di integrità all'interno di tutte le federazioni affiliate. Il loro scopo è quello di combattere le combine nei tornei nazionali e di introdurre programmi educativi per giocatori, ufficiali di gara e dirigenti. Queste figure fungono inoltre da raccordo con la UEFA per ogni tipo di problematica legata all'integrità di partite o squadre coinvolte nelle competizioni UEFA.

Il Segretario Generale UEFA ha poi sottolineato la severità delle sanzioni inflitte da parte della UEFA in caso di infrazioni legate alle combine. "Quest'anno la UEFA ha escluso tre squadre dalle competizioni europee per combine avvenute a livello nazionale. Abbiamo anche sospeso a vita un arbitro coinvolto in un tentativo di combine".

"Abbiamo sospeso alcuni arbitri a vita non perché hanno collaborato a tentativi di combine, ma perché sono stati avvicinati da criminali mossi da intenzioni di questo tipo e non l'hanno comunicato alla UEFA. Sono previste lunghe sospensioni e squalifiche a vita per tutti gli individui coinvolti".

Il Comitato esecutivo UEFA ha recentemente espresso il suo supporto all'introduzione della frode sportiva come reato penale in numerosi paesi europei, dal momento che una stretta collaborazione con le autorità statali è necessaria per eliminare la piaga delle combine. "[Qui] in Spagna, le combine sono diventate reato penale - ha spiegato il Signor Infantino -. Questo significa che la legge può dire la sua nella lotta a questo fenomeno. In altri paesi, sfortunatamente, questos cenario non si è ancora verificato".