UEFA.com funziona meglio su altri browser
Dal 25 gennaio, UEFA.com non supporterà più Internet Explorer.
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox o Microsoft Edge.

Il Presidente UEFA nella Hall of Fame italiana

Il Presidente UEFA Michel Platini ha ricevuto il riconoscimento di miglior calciatore straniero che abbia mai militato in Italia in occasione dell'inaugurazione della Hall of Fame della FIGC a Firenze.

Michel Platini riceve il premio da Gianni Petrucci
Michel Platini riceve il premio da Gianni Petrucci ©Foto Sabe

Il Presidente UEFA Michel Platini ha ricevuto un prestigioso riconoscimento in occasione dell'inaugurazione della Hall of Fame della FIGC a Firenze.

Il Signor Platini ha ricevuto il premio da Gianni Petrucci, presidente del Comitato Olimipico, a Palazzo Vecchio, dopo essere stato decretato miglior calciatore straniero ad aver mai militato in Italia. La giuria era formata dai direttori dei principali organi di informazione italiani e dal presidente dell'Unione Stampa Sportiva Italiana (USSI), Luigi Ferrajolo.

La Hall of Fame è stata organizzata dalla FIGC presso la Fondazione Museo del Calcio, con l'obiettivo di rendere omaggio alle figure più prestigiose che hanno contribuito a dare lustro al calcio italiano.

Il Presidente UEFA ha giocato in Italia dal 1982 al 1987. Con la maglia della Juventus ha vinto la Coppa delle Coppe UEFA e la Supercoppa UEFA nel 1984, la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale nel 1985, due Scudetti e una Coppa Italia. Per tre volte si è aggiudicato il titolo di capocannoniere della Serie A e grazie ai risultati ottenuti con i Bianconeri ha conquistato il Pallone d'Oro nel 1983, 1984 e 1985.

Pierluigi Collina, responsabile del settore arbitri UEFA, è stato premiato come Miglior Arbitro Italiano. Tra gli altri premiati figuravano Roberto Baggio (Miglior Giocatore Italiano), Marcello Lippi e Arrigo Sacchi (Miglior Tecnico Italiano ex aequo), Adriano Galliani (Miglior Dirigente Italiano) e Gigi Riva (Miglior Veterano Italiano). Ciascunod ei vincitori ha donato al mueso un cimelio a ricordo della propria carriera sul campo.

Tra le numerose personalità sportive e politiche presenti alla cerimonia figurava il presidente della FIGC e vicepresidente UEFA Giancarlo Abete.