Una finale classica

Italia e Spagna si affronatno domenica nella finale dei Campionati del Mondo FIFA di Futsal.

di Paul Saffer

Dopo le esaltanti vittorie in semifinale al Campionato del Mondo FIFA di futsal, Spagna e Italia si affronteranno domenica alle 9 (CET) per la conquista del titolo.

Incontro emozionante
Quattro anni fa in Guatemala, la Spagna ha sconfitto il Brasile in finale, conquistato il trofeo per la prima volta contro la nazione che aveva vinto tutte e quattro le edizioni precedenti. Gli iberici hanno ripetuto l’impresa nella semifinale 2004 a Taipei City, pareggiando 2-2 dopo i tempi supplementari e imponendosi 5-4 ai rigori dopo un errore iniziale.

Tripletta di Bacaro
Successivamente, l’Italia campione d’Europa in carica ha sconfitto l’Argentina per 7-4 grazie a una tripletta di Vinicius Bacaro. La Spagna vanta già due finali all’attivo: la prima nel 1996, anno in cui è stata sconfitta dal Brasile, quindi la successiva rivincita. L’Italia, dal canto suo, ha superato gli attuali campioni del mondo per 3-2 nella fase a gironi, oltre che in semifinale ai Campionati Europei UEFA 2003. Per le Furie Rosse, si tratta delle uniche due sconfitte in gare internazionali dal settembre 2002.

Spagna ottimista
La Spagna, però, può ripensare al 1996, quando ha interrotto la marcia degli Azzurri (allora campioni del mondo) con un 4-1 nella seconda fase a gironi. La vittoria di ieri sul Brasile, inoltre, rappresenta una vera e propria iniezione di fiducia.

“Grande lavoro di squadra”
Il portiere Luis Amado, eroico in semifinale, ha dichiarato: "Non abbiamo mai perso la concentrazione e il lavoro di squadra ha dato i propri frutti, nonostante la netta superiorità del Brasile a livello individuale. Ora pensiamo alla finale. Fremiamo all’idea di sfidare l’Italia perché vogliamo prenderci una rivincita dopo la sconfitta nella seconda fase".

“Doppiamente felici”
Andreu, autore del primo gol e realizzatore alla lotteria dei rigori, ha aggiunto: "Raggiungere la finale, per di più battendo il Brasile, ci dà una grande soddisfazione. Siamo doppiamente felici".

“Alti livelli”
L’Italia rimpiangerà l’assenza di Andre Vicentini, espulso nel secondo tempo della semifinale. Tuttavia, l’allenatore Alessandro Nuccorini ha commentato: "Abbiamo giocato veramente ad alti livelli. Il primo tempo è stato eccellente e il secondo un po’ imprevedibile, ma c’era da aspettarselo".

Ennesima sfida
Qualunque sia il verdetto di domenica, le due formazioni saranno presto impegnate in un altro scontro diretto. Il 17 febbraio a Ostrava, infatti, si affronteranno nell’ultima partita del girone dei Campionati Europei 2005. E in caso di qualificazione per entrambe – come è successo in questo torneo – quali saranno i pronostici per l’ennesima classica a soli 75 giorni dalla finale di Taipei.

In alto