UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Anteprima UEFA Futsal EURO: le sfide decisive dei gironi A e B

Quattro posti per i quarti sono ancora in palio con otto squadre potenzialmente ancora in corsa per la qualificazione; ecco una breve guida alle sfide di venerdì per i gironi A e B.

L'Olanda spera nell'aiuto del suo pubblico per passare il turno
L'Olanda spera nell'aiuto del suo pubblico per passare il turno ANP via Getty Images

Sono ancora in palio quattro posti per i quarti di finale di UEFA Futsal EURO 2020, ma nei gironi A e B regna un certo equilibrio dato che tutte le squadre sono matematicamente in corsa per la qualificazione in vista dell'ultima giornata di venerdì.

Mentre le sfidanti dei quarti di finale di lunedì sono già decisi (la vincente di ciascun girone affronterà la seconda di un altro), ecco una breve guida alle sfide di venerdì.

Gruppo B In diretta adesso

Giocate G Vittorie V Pareggi P Sconfitte S Segnati Subiti Differenza reti Punti Pti
KAZ Kazakistan
Ora in gioco
3 2 1 0 14 7 7 7
FIN Finlandia
Ora in gioco
3 1 1 1 7 10 -3 4
SVN Slovenia
Ora in gioco
3 0 2 1 7 8 -1 2
ITA Italia
Ora in gioco
3 0 2 1 6 9 -3 2


Kazakistan - Italia (17:30 CET, Groningen)

Il Kazakistan per tre volte ha rimontato lo svantaggio prima di pareggiare 4-4 la gara d'apertura contro la Slovenia, poi nella seconda giornata è andato due volte sotto contro l'esordiente Finlandia prima di imporsi con un sonoro 6-2 che l'ha portato in vetta alla classifica. Al Kazakistan - arrivato in semifinale nelle due precedenti edizioni di Futsal EURO - basterebbe un pareggio per andare avanti ma potrebbe persino permettersi di perdere in caso di mancata vittoria della Slovenia.

L'Italia ha pareggiato 3-3 con la Finlandia e 2-2 con la Slovenia, entrambe le volte in rimonta e sfiorando la vittoria nei minuti finali, e con tre punti riuscirebbe a qualificarsi e quindi evitare la seconda eliminazione consecutiva alla fase a gironi nonché a vendicare la sconfitta ai quarti di finale del 2016 per 5-2 proprio contro il Kazakistan.

Kaká, Ct Kazakistan: "Mi aspetto un'ottima Italia pronta a prendersi dei rischi per vincere. In entrambe le partite alla fine hanno utilizzato il portiere di movimento per vincere quindi è chiaro che il pari gli stava stretto. Gli Azzurri vogliono vincere, dobbiamo prepararci a questo".

Cainan de Matos, giocatore Italia: "Sappiamo che sarà difficile l'ultima partita contro il Kazakistan, ma dobbiamo cercare di vincere per qualificarci".

Statistica: l'Italia era sempre arrivata almeno ai quarti di Futsal EURO fino all'uscita per mano della Slovenia nel 2018.

Slovenia - Finlandia (17:30 CET, Amsterdam)

Con una vittoria la Slovenia si qualificherebbe al suo terzo quarto di finale in quattro edizioni. Agli sloveni basterebbe anche un pari in caso di sconfitta con l'Italia (possibilmente anche per i gol segnati in caso di pareggio).

La Finlandia, all'esordio nel torneo, invece con una vittoria si qualificherebbe alla fase a eliminazione diretta se il Kazakistan non dovesse perdere e li scavalcherebbe in virtù degli scontri diretti.

Alen Fetić, calciatore Slovenia: "La Finlandia è una squadra fisicamente forte, l'ha dimostrato nella prima partita. Meritano di essere agli Europei. Sarà una partita fisica e difficile. Tutti i loro giocatori sono forti".

Panu Autio, capitano Finlandia: "Nulla è perduto e combatteremo fino alla fine per qualificarci. Abbiamo visto di cosa è capace la Slovenia e sarà sicuramente una partita difficile, ma faremo del nostro meglio".

Statistica: l'ultima sfida tra le due squadre risale a un'amichevole giocata a gennaio 2017, quando la tripletta di Denis Totošković ha regalato la vittoria per 3-2 alla Slovenia.

Gruppo A In diretta adesso

Giocate G Vittorie V Pareggi P Sconfitte S Segnati Subiti Differenza reti Punti Pti
POR Portogallo
Ora in gioco
3 3 0 0 9 3 6 9
UKR Ucraina
Ora in gioco
3 1 0 2 8 5 3 3
NED Olanda
Ora in gioco
3 1 0 2 6 9 -3 3
SRB Serbia
Ora in gioco
3 1 0 2 6 12 -6 3


Ucraina - Portogallo
(20:30 CET, Groningen)

Highlights: Serbia - Ucraina 1-6
Highlights: Serbia - Ucraina 1-6

Dopo il 4-2 sulla Serbia e il 4-1 sull'Olanda, il Portogallo potrebbe non qualificarsi solo perdendo con uno scarto di sei o più gol e vittoria dei padroni di casa.

L'Ucraina si qualificherebbe con una vittoria ma anche con un pari in caso di sconfitta dell'Olanda. Anche in caso di sconfitta gli ucraini passerebbero in caso l'Olanda venisse battuta con otto gol o meno.

Mykhailo Zvarych, calciatore Ucraina: "Penso che con l'atteggiamento, la determinazione e lo spirito combattivo [che l'Ucraina ha mostrato contro la Serbia], batteremo anche [l'Olanda]".

André Coelho, giocatore Portogallo: "Non possiamo permetterci di perdere contro una squadra che è tra le prime dieci in Europa. Guardiamo ogni partita come una finale e sarà così anche contro l'Ucraina".

Statistica: l'Ucraina non è riuscita a superare la fase a gironi solo una volta nelle nove precedenti partecipazioni (nel 2007, l'ultima volta che il torneo era a otto squadre).

Olanda - Serbia (20:30 CET, Amsterdam)

Highlights: Portogallo - Olanda 4-1
Highlights: Portogallo - Olanda 4-1

I padroni di casa giocheranno in uno stadio esaurito in ogni ordine di posto e si qualificheranno anche in caso di pari se l'Ucraina non dovesse vincere, ma sarebbero fuori con una sconfitta.

La Serbia è stata falcidiata dagli infortuni e non ha avuto lo stesso rendimento del Mondiale quando ha raggiunto gli ottavi di finale portando il Portogallo ai supplementari. Solo una vittoria con nove gol di scarto e contemporanea sconfitta dell'Ucraina qualificherebbe la Serbia ai quarti.

Max Tjaden, ct Olanda: "Se riusciremo a ripetere la prestazione della partita contro l'Ucraina, ho piena fiducia che raggiungeremo i quarti di finale".

Dejan Majes, allenatore Serbia: "Faremo tutto il possibile per battere l'Olanda perché non credo che meritiamo di finire a zero punti".

Statistica: l'Olanda non vuole diventare la quarta padrona di casa di un Futsal EURO ad uscire alla fase a gironi dopo Belgio (2014), Ungheria (2010) e Repubblica Ceca (2005).