UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'Italia cala il poker contro la Croazia

Croazia-Italia 1-4
A Poreč gli azzurri battono la nazionale di casa nell'esordio alla Three Nations Cup: a segno Nicolodi, Fortino (doppietta) e Vampeta.

L'Italia cala il poker contro la Croazia
L'Italia cala il poker contro la Croazia ©Cassella/Divisione Calcio a 5

Croazia - Italia 1-4
L’Italia non fallisce l’esordio alla ‘Three Nations Cup’. Alla Zatika Hall di Poreč, gli azzurri superano 4-1 la Croazia padrona di casa nella giornata d’apertura del torneo internazionale a cui prende parte anche l’Argentina. Nel primo tempo Jakov Grcic annulla il vantaggio firmato da Douglas Nicolodi, ma nella ripresa la doppietta di Rodolfo Fortino e il guizzo di Vampeta piegano la nazionale di Mato Stankovic, che a febbraio organizzerà il Campionato Europeo UEFA di Futsal 2012.

Un test che ha offerto indicazioni confortanti a Roberto Menichelli, anche in considerazione del gruppo giovane che il Ct ha deciso di portare a questo triangolare. Il tecnico si affida in partenza a un quintetto formato da Stefano Mammarella – capitano vista l’assenza di Marcio Forte – Marco Ercolessi, Vampeta, Alessandro Patias e Gabriel Lima. E’ proprio il gioiello dell’Asti ad avere subito una grande occasione per sbloccare il risultato, ma Ivo Jukic riesce a ipnotizzarlo.

Gli azzurri hanno il predominio delle operazioni, la Croazia è chiusa ai dieci metri a difendersi ma a metà primo tempo capitola. Lima scarica per l’accorrente Douglas Nicolodi, il sinistro del 23enne della Ponzio Pescara, forse deviato da un avversario, è imprendibile per il numero uno croato. Il folletto azzurro è scatenato e va vicinissimo due volte al raddoppio: neanche un minuto dopo il vantaggio, quando spedisce alto sull’illuminante assist di Patias, e al 12’, quando centra il palo sullo scarico di Rodolfo Fortino.

L’Italia ha il torto di non concretizzare e anche Patias, dopo un ottimo recupero, colpisce il legno in transizione: così i padroni di casa – per tre quarti di primo tempo inconcludenti – prendono coraggio poco prima dell’intervallo. Prima è capitan Tihomir Novak a centrare il montante con una bordata di destro, ma al minuto 18’44’’ il pareggio è realtà. L’ottimo giro palla della Croazia, facilitato da una difesa poco aggressiva dell’Italia, con cinque falli a carico, libera sul secondo palo Grcic, che non ha difficoltà a trafiggere l’incolpevole Mammarella. Tutto da rifare.

Nella ripresa gli azzurri riprendono però con il piede giusto. Vampeta con uno splendido coast-to-coast va vicinissimo al gol, poi i riflessi di Jukic sono ancora una volta ottimi sul tiro di Fabricio Urio, smarcato da Fortino. Il giocatore del Kaos Futsal restituisce il favore al compagno al 7’, nell’azione che porta al 2-1: il capocannoniere della serie A deve soltanto spingere il pallone in rete sull’assist dell’esordiente in azzurro.

Poco più di un minuto e Fortino realizza anche il terzo gol, concretizzando alla perfezione una ripartenza innescata da una punizione sciupata dai croati: Nicolodi serve Lima che scarica all’indietro per l’accorrente numero 9, che insacca in spaccata. Sergio Romano sfiora la rete personale con un grande diagonale, poi è Vampeta, bravo a correggere una punizione di Patias, a realizzare il definitivo 4-1. Per l’Italfutsal di Menichelli è una serata da ricordare, giovedì sera si giocherà la vittoria nel torneo nella prestigiosa sfida contro l’Argentina…