UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Due outsider per il terzo posto

Azerbaigian e Repubblica ceca si contenderanno la terza piazza ai Campionati Europei UEFA Futsal: niente male per una nazionale all'esordio assoluto nel torneo ed un'altra a caccia di rivincite.

Due outsider per il terzo posto
Due outsider per il terzo posto ©Sportsfile

Azerbaigian e Repubblica ceca saranno le protagoniste della finale per il terzo e quarto posto ai Campionati Europei UEFA Futsal. A prescindere dal risultato, il bilancio è più che positivo per due squadre che certo non erano partite con i favori del pronostico all'inizio del torneo.

Grandi prestazioni 
L'Azerbaigian, sconfitto in semifinale dal Portogallo ai calci di rigore, è alla prima partecipazione assoluta a una manifestazione UEFA per squadre nazionali. Nessuno avrebbe scommesso sulla matricola del torneo, che prima della sconfitta contro i lusitani aveva battuto l'Ungheria e la Repubblica ceca nella fase a gironi e aveva avuto la meglio sull'Ucraina ai rigori nei quarti di finale, eppure le giocate di Serjão, Thiago, Biro Jade, Andrey Tveryankin e compagnia hanno saputo incantare il pubblico magiaro. I cechi, dal canto loro, hanno archiviato il 6-1 subito all'esordio proprio contro gli azeri e hanno recuperato quattro reti di svantaggio all'Ungheria, imponendosi 6-5, prima di eliminare l'Italia ai rigori nei quarti di finale.

Borisov soddisfatto
"E' stato un torneo fantastico per noi - ha dichiarato l'azero Vitaliy Borisov a uefa.com -. L'organizzazione è stata impeccabile e le emozioni non sono mancate. Anche le sedi delle partite sono state perfette e il pubblico ci ha sempre sostenuti. Approdare in semifinale alla nostra prima partecipazione rappresenta un grande successo per noi, anche se ci sarebbe piaciuto arrivare fino in fondo".

Obiettivo terzo posto
L'Azerbaigian dovrà rinunciare allo squalificato Biro Jade, primo nella classifica per la Scarpa d'oro adidas insieme all'azzurro Saad Assis, e probabilmente anche ad Alves, ancora in imperfette condizioni fisiche. L'estremo difensore Tveryankin ha dichiarato: "Prima del torneo avevo detto che c saremmo accontentati di qualsiasi piazzamento, ora invece sono convinto che il terzo posto sarebbe un grandissimo risultato per noi".

Fiducia ceca
La Repubblica ceca è stata battuta 8-1 in semifinale dalla Spagna, ma contro l'Azerbaigian ritroverà Marek Kopecký, reduce da un turno di squalifica, e capitan Martín Dlouhý è convinto che la squadra farà di tutto per vendicare la sconfitta patita nella fase a girono contro gli uomini di Alesio. "Questa partita sarà completamente diversa - ha assicurato -. Ad inizio torneo, molti dei nostri giocatori hanno dovuto fare i conti con l'emozione, ma contro Ungheria e Italia siamo migliorati, acquistando fiducia in noi stessi. La sconfitta con la Spagna non frenerà il nostro entusiasmo".